Per il fine settimana de "Lo Spino" niente pubblico a Pieve Santo Stefano

Per il fine settimana de "Lo Spino" niente pubblico a Pieve Santo Stefano
Per il fine settimana de "Lo Spino" niente pubblico a Pieve Santo Stefano

La 7ª Salita Motociclistica dello Spino parte ufficialmente con le verifiche sportive e tecniche a cui saranno sottoposti i concorrenti e i loro mezzi per l’intera giornata di venerdì 25 settembre, e di moto da passare per le operazioni preliminari ce ne saranno davvero tante. Nessuno dei maggiori campioni della specialità mancherà alla sfida pievana, che si annuncia piena di “contenuti” e di qualità: prenderanno il via campioni del calibro di Stefano Bonetti, l’italiano più veloce di sempre al leggendario Tourist Trophy, e Stefano Manici anche lui audace frequentatore dell’Isola di Man, oltre a circa 130 altri coraggiosi partecipanti al Campionato Italiano Velocità in Salita (CIVS). La 7ª edizione di questa crono riservata alle moto vedrà al via anche piloti stranieri e italiani impegnati nell’European Hillclimb Road Race Championship, prestigiosa titolazione europea riconosciuta proprio quest’anno alla gara organizzata dalla Pro-Spino Team. Come la gara CIVS precedente, corsa circa un mese fa a Spoleto, la cronoscalata moto dello Spino è di fatto “sdoppiata” in due gare in un solo weekend: gara 1 sabato 26 e gara 2 domenica 27 settembre (precedute entrambe da due sessioni di prove la mattina) con assegnazione di doppio bottino di punti ai piloti classificati…vietato mancare quindi. Ma oltre alla qualità e quantità dei partecipanti, la competizione vanterà un parco mezzi davvero variegato e interessante: dalle moto d’epoca agli scooter, dalle moto stradali più aggressive e pistaiole alle piccole ma pepatissime “pit-bike” e minimoto, ma anche modo enduro, quad e spettacolari sidecar. Peccato solo che questo ricco menù resterà riservato agli addetti ai lavori. In virtù del DPCM dello scorso 7 agosto (i cui effetti sono prorogati fino al prossimo 7 ottobre) la gara dovrà infatti svolgersi in assenza di pubblico. La Pro-Spino Team a.s.d., dopo aver prodotto un piano di sicurezza insieme ad un team di specialisti volto a garantire il triage e il controllo della distanza di un pubblico numericamente limitato - ma anche lo stesso sindaco di Pieve S. Stefano - ritenevano ragionevolmente di potersi vedere concessa la deroga richiesta al DPCM summenzionato, come accaduto in occasione di alcune manifestazioni sportive, nelle ultime settimane. "Ma poche ore fa - dichiara il presidente della Pro-Spino team Alessandro Pigolotti - con enorme rammarico di tutte le parti interessate, abbiamo appreso definitivamente dalla Prefettura di Arezzo l'impossibilità di andare in deroga al DPCM e, di conseguenza, di dover portare a compimento la manifestazione senza la partecipazione del pubblico. Decisione rispettabilissima e, forse, dettata anche dall'incremento della curva epidemiologica di questi ultimi giorni, ma che aprirà ad uno scenario piuttosto insolito per il tipo di manifestazione, legata alla tradizione e al territorio ancor più che all'aspetto sportivo intrinseco." La Pro-Spino Team invita quindi tutti gli appassionati al massimo rispetto per le disposizioni di legge. E magari nel 2021 il pubblico potrà tornare ad assieparsi lungo i tornanti della S-P 208 per godersi auto e moto in gara come da tradizione motoristica Valtiberina. Per chiudere, va il ringraziamento a tutti gli enti, associazioni e volontari di Pieve S. Stefano ai quali l'organizzazione ha chiesto ed ottenuto valida collaborazione per poter assicurare lo svolgimento della manifestazione in modo da non disattendere le aspettative di qualità dell’evento (vista anche la titolazione europea) e da non tralasciare le priorità di ordine sanitario da rispettare verso tutti.