Ufficio turistico a Sansepolcro, la discussione sulla nuova sede finisce in consiglio

Ufficio turistico a Sansepolcro, la discussione sulla nuova sede finisce in consiglio
Ufficio turistico a Sansepolcro, la discussione sulla nuova sede finisce in consiglio

In sede di consiglio comunale a Sansepolcro è stata presentata un’interrogazione dall’esponente del PD Andrea Laurenzi in merito allo spostamento della sede dell’ufficio turistico. E’ infatti iniziata nel dicembre del 2019 l’opera di restauro degli spazi che andranno ad ospitare i locali del nuovo ufficio turistico, che si sposterà di pochi metri ma che prevede un’ubicazione strategica per la città quando si sarà insediato nella centralissima piazza Torre di Berta. Purtroppo ad oggi i lavori non sono ancora terminati e l’esponente di opposizione ha quindi interrogato l’amministrazione cittadina sui motivi di questi ritardi, nonché sui costi per il comune derivanti da questo progetto. Il sindaco mauro Cornioli ha spiegato che la scelta è stata fatta a suo tempo dai 7 sindaci dell’Unione dei comuni, Ente responsabile dell’ufficio turistico territoriale, non è quindi stata una decisione dell’amministrazione biturgense. I motivi che hanno spinto i sindaci ad optare per lo spostamento dell’ufficio turistico sono vari, fra cui la reale esigenza di mettere e disposizione di turisti e visitatori un bagno pubblico inesistente nel centro storico di Sansepolcro. Dunque l’ampiezza dei nuovi spazi che saranno destinati all’ufficio turistico ha permesso di realizzare un bagno assolutamente a norma anche per persone disabili, un valore aggiunto importante per tutte le strutture ricettive della città. Il costo del trasloco, degli allacci, del condizionamento e della realizzazione del bagno appunto hanno un costo di 35mila euro di cui 25mila finanziati da un bando del Gal. I ritardi però – ha spiegato Cornioli - sono purtroppo dovuti ad uno stop del Bando destinato al progetto di recupero che è stato bloccato a causa dell’emergenza sanitaria in corso.