Messa in Duomo a Sansepolcro dopo lo stop del Covid. Don Giancarlo Rapaccini "Non vedevo l'ora di rivedervi"

Messa in Duomo a Sansepolcro dopo lo stop del Covid. Don Giancarlo Rapaccini "Non vedevo l'ora di rivedervi"
Messa in Duomo a Sansepolcro dopo lo stop del Covid. Don Giancarlo Rapaccini "Non vedevo l'ora di rivedervi"

“Era tanto che avevamo voglia di ritrovarci qui tutti insieme”, così ha aperto la propria liturgia Don Giancarlo Rapaccini lunedì 18 maggio nel primo appuntamento con i fedeli dopo lo stop dell’emergenza Covid. I cittadini composti sono entrati nella cattedrale biturgense con la mascherina, si sono disinfettati le mani con il gel posizionato all’ingresso principale del duomo e si sono seduti rispettando le distanze, in maniera silenziosa e rispettosa, sia delle regole imposte dal governo, sia del luogo sacro. Dopo oltre due mesi di stop alle celebrazioni i fedeli hanno avuto di nuovo modo di presenziare alla celebrazione della santa messa sperimentando un modo diverso di stare insieme, riconoscendosi a malapena con il viso coperto in parte dalle mascherine, senza la possibilità di scambiarsi il segno della pace, ma con la voglia di essere comunque uniti di fronte ad un unico altare, per poter ascoltare di nuovo la voce rassicurante di un officiante che celebra il nome di Dio. Ed è questo il senso del ritorno a vivere la vita religiosa, come ha spiegato lo stesso Don Giancarlo, così come la vita di tutti i giorni, cogliendo ciò che di più bello la vita ci può offrire, con tutte le difficoltà del caso, ma con la voglia di ricominciare, tutti insieme, vicini soprattutto con il cuore.