L’azienda Busatti va incontro ai propri lavoratori in questo periodo di difficoltà economiche e anticipa il TFR

L’azienda Busatti va incontro ai propri lavoratori in questo periodo di difficoltà economiche e anticipa il TFR
L’azienda Busatti va incontro ai propri lavoratori in questo periodo di difficoltà economiche e anticipa il TFR

Anticipare l’80% del TFR maturato dai lavoratori. Se è vero che volere è potere, si può eccome ed è quello che fatto Busatti Tessuti. In deroga alle norme sull’anticipo del Trattamento di fine rapporto, alla luce dell’emergenza Covid, la ditta anghiarese è venuta incontro così a chi tutti i  giorni ci mette mani e cuore per realizzare i prodotti made in Valtiberina. Una proposta accolta positivamente dalla stragrande maggioranza dei lavoratori, che hanno ricevuto i bonifici in questi giorni. “L’azienda non si è privata di liquidità - ha detto Livio Sassolini, amministratore delegato Busatti -; ci è sembrato giusto dare l’opportunità a chi lo desiderasse di ottenere questo anticipo, che può essere utile ai consumi del territorio”. Un incentivo pratico per sostenere l’economia locale, in linea con l’impegno preso dell’azienda d’Anghiari in questo periodo di emergenza covid. A maggio, infatti, Busatti aveva ricevuto l'autorizzazione da parte dell'Istituto Superiore di Sanità a produrre e commercializzare mascherine chirurgiche di tipo 1, riconosciute poi dispositivo medico. Un risultato di grande valore per Busatti, una delle prime due attività dell’intera Toscana a portare a conclusione questo percorso. Se è vero che volere è potere, tutto (o quasi) è possibile.