Pronto Badante in Toscana, oltre 3 milioni per la stabilizzazione del progetto per il 2020-2021

Pronto Badante in Toscana, oltre 3 milioni per la stabilizzazione del progetto per il 2020-2021
Pronto Badante in Toscana, oltre 3 milioni per la stabilizzazione del progetto per il 2020-2021

Oltre 3 milioni, per proseguire il progetto Pronto Badante per il 2020-21, avviato in via sperimentale nel 2015 e stabilizzato già dall'anno scorso. A stabilire la prosecuzione del Pronto Badante, una delibera presentata dall'assessore toscano al diritto alla salute e al sociale Stefania Saccardi e approvata dalla giunta di Firenze. La delibera per il biennio 2020-2021 destina al progetto risorse appunto per 3,3 milioni di euro. Obiettivo del progetto, sostenere la famiglia nel momento in cui si presenta la prima fase di fragilità dell'anziano, garantendole un adeguato punto di riferimento per avere informazioni sui percorsi socio-assistenziali presenti sul territorio e un sostegno economico per l'attivazione di un rapporto di assistenza familiare con una/un badante. Del resto la Toscana ha una popolazione sempre più anziana e questo pone con crescente urgenza il problema dei bisogni degli anziani e delle loro famiglie. La Regione dunque tenta di dare risposte che rendano meno gravoso il peso della quotidianità, prevenendo l'isolamento e l'esclusione sociale degli anziani e delle famiglie che li assistono. Tra queste risposte, c'è proprio il Pronto Badante, I cui punti chiave del progetto sono il sostegno alle persone anziane fragili e alla loro famiglia, il rafforzamento del modello di “presa in carico domiciliare” rivolto all’anziano in stato di difficoltà, il supporto e accompagnamento della persona anziana e/o della famiglia nel primo accesso ai servizi territoriali pubblici l’attivazione e sviluppo di una rete di protezione a supporto della famiglia e della persona anziana  e un modello innovativo di governance con il quale il soggetto pubblico agisce attraverso il volontariato e la cooperazione sociale per erogare servizi e orientamento alle famiglie.