Un anno intenso per l'assessorato ai beni comuni di Sansepolcro

Un anno intenso per l'assessorato ai beni comuni di Sansepolcro
Un anno intenso per l'assessorato ai beni comuni di Sansepolcro

Cultura, Istruzione, Beni Comuni: l’assessore biturgense Gabriele Marconcini fa il punto sui traguardi del 2019 e gli obiettivi per l’anno nuovo, partendo dal tema della cultura, per il quale l’amministratore individua i punti forti nelle celebrazioni leonardiane, nella scelta della Regione caduta su Sansepolcro e Rapolano Terme per sperimentare un piano culturale integrato che dovrà richiamare nel territorio ulteriori risorse. Marconcini rammenta poi gli investimenti nel Museo Civico, anche per il lavoro iniziato con le scuole grazie all’organizzazione interna delle attività didattiche, mentre per la rigenerazione urbana l’assessore sottolinea che dopo il progetto di riqualificazione della stazione ferroviaria, pochi giorni fa è stato riconosciuto un importante finanziamento regionale anche per intervenire su Palazzo Muglioni, sede di CasermArcheologica.  L’assessore vede poi una crescita continua per eventi come il Carnevale, Sapori DiVini, Estate al Borgo e Borgo del Natale e si dichiara soddisfatto per la crescita degli abbonati alla stagione teatrale al Teatro Dante. Nel campo della scuola Marconcini segnala i lavori che partono nei vari plessi scolastici, la mantenuta autonomia delle scuole di montagna e l'implementazione del servizio al nido comunale. Sul fronte dei Beni Comuni Marconcini ricorda l’articolato lavoro per la raccolta dei rifiuti, il costante impegno per modificare l’attuale assetto gestionale dei beni comuni e la logica delle macro-aree, assieme alla lunga lotta per la ripubblicizzazione dell’acqua e allo sforzo per riportare la futura gestione pubblica del servizio idrico nei territori, scongiurando il rischio di un unico gestore regionale.