Denunciato bracconiere di beccacce dai Carabinieri Forestali. Ritiro del tesserino e sanzioni per un cacciatore di Monterchi

Denunciato bracconiere di beccacce dai Carabinieri Forestali. Ritiro del tesserino e sanzioni per un cacciatore di Monterchi
Denunciato bracconiere di beccacce dai Carabinieri Forestali. Ritiro del tesserino e sanzioni per un cacciatore di Monterchi

Denunciato dai Carabinieri Forestali un bracconiere sorpreso mentre cacciava con un sistema illecito. L’uomo, un sessantenne di Monterchi è stato fermato in un "passo reale" mentre abbatteva una beccaccia con il sistema illecito della cosiddetta "posta" ovvero una modalità non consentita che consiste nell'aspettare il selvatico all'alba o all'imbrunire quando esce o fa rientro nel bosco. Il cacciatore una volta accortosi di essere stato scoperto ha anche cercato di scappare, ma i carabinieri forestali sono riusciti a fermarlo ed eseguire i dovuti controlli. Un vero e proprio bracconaggio che è costato all’uomo diverse sanzioni amministrative per caccia fuori orario, posta alla beccacia e caccia su strada pubblica, oltre alla sospensione del tesserino di caccia per un anno. Le attuali normative implicano infatti che la beccaccia possa essere cacciata da un’ora dopo l’avvio della giornata venatoria fino ad un’ora prima della chiusura della stessa, proprio per consentire a questo animale di poter uscire alla sera verso le proprie zone di pascolo e rientrare indenne alla mattina verso le proprie rimesse. La pratica della posta è ancora abbastanza radicata nonostante non vi siano più necessità alimentari che la giustifichino, ed è necessario attenersi alle regole normative per questo tipo di caccia, per questo il metodo praticato dal sessantenne monterchiese ha fatto immediatamente scattare le sanzioni amministrative e la conseguente sospensione del tesserino.