Appello del Comune alla Regione per salvare e riqualificare il territorio

Appello del Comune alla Regione per salvare e riqualificare il territorio
Appello del Comune alla Regione per salvare e riqualificare il territorio

Concessione ventennale del campeggio di Candeleto, bando di affitto per il complesso di Caignani e Le Valcelle, procedere alla vendita di Caipizzichelli, Cuiano e Palazzo del Riccio. Sono alcune richieste contenute nell’appello del Comune inviato alla regione, affinchè l’ente valorizzi e riqualifichi il territorio di Pietralunga, circa 3.900 ettari di demanio pubblico e di proprietà della Regione, che rappresenta il 45% dei 9 mila ettari presenti nell’Alta Umbria.

In particolare, nella delibera inviata, viene richiesta la concessione ventennale del campeggio di Candeleto, e l’autorizzazione per effettuare al più presto un bando di affitto a fini turistici.  

Sempre nell’ottica non solo di migliorare ma anche di utilizzare le opere presenti, il Comune ha richiesto di garantire i livelli occupazionali esistenti nell’Agenzia di Forestazione  e la continuità degli interventi volti a salvaguardare il demanio regionale in tutta l’Alta Umbria.

Entrando nel dettaglio delle proposte, il Comune vorrebbe attuare dei bandi individuali di affitto a fini turistici per il complesso di Caignani e Le Valcelle; mentre per le zone di Caipizzichelli, Cuiano e Palazzo del Riccio (che sono parzialmente ristrutturati) l’intenzione è quella di procedere con bandi individuali di vendita con destinazioni abitative. Per quanto riguarda l’ex scuola di agraria la volontà è quella di fare un bando di vendita con destinazione turistica; per le sei aziende agricole presenti, invece, la linea è quella di rinnovare gli affitti, con l’opzione di acquisto per gli attuali affittuari che lo desiderano. Venendo ai 54 complessi rurali, ruderi o fatiscenti, l’idea è quella di procedere con la vendita individuando dei soggetti privati per la loro valorizzazione.