A Città di Castello 4 operatori stanno effettuando interviste alle famiglie selezionate dall’Istat.

A Città di Castello 4 operatori stanno effettuando interviste alle famiglie selezionate dall’Istat.
A Città di Castello 4 operatori stanno effettuando interviste alle famiglie selezionate dall’Istat.

Quattro persone stanno facendo il giro della città, non si tratta di una truffa, ma di personale autorizzato per le operazioni di Censimento Permanente della Popolazione per il 2019. La rilevazione infatti coinvolge anche il capoluogo tifernate e si protrarrà fino al 20 dicembre. In questo periodo ci saranno gli addetti, a nome del Comune e riconoscibili attraverso un cartellino identificativo, che chiederanno alcune informazioni alle famiglie estratte come campione dall’Istat. La rilevazione è obbligatoria e si articolerà in due differenti tipologie di indagini che saranno svolte comunque dagli stessi rilevatori, riconoscibili attraverso un cartellino identificativo e dotati di tablet, tuttavia i cittadini che dovessero avere dubbi o perplessità di qualsiasi tipo, potranno contattare il Centro comunale di rilevazione al numero 075/8529 362 - 445 o recarsi direttamente presso gli uffici dei Servizi Demografici, in Via XI Settembre numero 41. Una parte delle famiglie verrà contattata fino al 13 novembre direttamente dagli operatori comunali o dai rilevatori per effettuare un’intervista. Un secondo gruppo di famiglie, che fanno parte del campione estratto direttamente dall’Istat, stanno ricevendo per posta una busta contenente una lettera ufficiale a firma del Presidente dell’Istat e le credenziali di accesso per la compilazione di un questionario online che potranno compilare autonomamente tramite portale Istat da casa oppure recandosi direttamente negli uffici dei Servizi Demografici in comune. Le famiglie che non avranno provveduto a compilare il questionario entro il 7 novembre, saranno contattate da un rilevatore o da un operatore comunale. Per tutte le famiglie che fanno parte del campione sussiste l’obbligo di risposta e dovranno compilare ciascuna il proprio questionario entro i termini stabiliti onde evitare i solleciti previsti dall’Istat e la successiva applicazione di sanzioni.