Dopo la chiusura in via precauzionale di Via Pertini a Sansepolcro, la circolazione torna alla normalità.

  • Dopo la chiusura in via precauzionale di Via Pertini a Sansepolcro, la circolazione torna alla normalità.
  • Dopo la chiusura in via precauzionale di Via Pertini a Sansepolcro, la circolazione torna alla normalità.
  • Dopo la chiusura in via precauzionale di Via Pertini a Sansepolcro, la circolazione torna alla normalità.
Dopo la chiusura in via precauzionale di Via Pertini a Sansepolcro, la circolazione torna alla normalità.

Riaperta via Pertini a Sansepolcro, un ingegnere strutturista ha controllato la stabilità del viadotto. È stato un lavoro intenso quello che hanno svolto gli operai del comune impegnati nella rimozione dei pannelli del sottopasso di Via Pertini che in meno di due giorni hanno riportato la circolazione alla normalità in un punto nevralgico della città. La chiusura al traffico ricordiamo era avvenuta nel tardo pomeriggio di giovedì 21 novembre quando tecnici del comune, sindaco e assessore hanno fatto un sopralluogo per valutare la gravità della situazione. Fin da subito è stato chiaro che non sussistevano problematiche a livello strutturale, ma in via precauzionale sono stati rimossi i pannelli che a causa delle piogge dei giorni scorsi si erano rigonfiati in maniera preoccupante.

Dunque dalle 7.30 di venerdì sono iniziati i lavori da parte degli operai del comune e già dalle 10 di sabato mattina la circolazione è tornata alla normalità. L’ingegnere strutturista intervenuto sul posto ha avuto modo di valutare la stabilità del ponte di viale Osimo, che passa perpendicolarmente sopra via Pertini, dunque l’area è stata transennata e messa in sicurezza permettendo così al traffico di riprendere la sua regolarità.

Ora dovrà essere redatto un progetto e avviato conseguentemente un bando di gara per poter erigere dei nuovi pannelli che daranno al sottopasso un volto più decoroso. Non è al momento quantificabile l’iter burocratico per poter procedere con i lavori che saranno interamente a carico del comune dato che la costruzione del viadotto spettò ad Anas ma la competenza è ormai da anni dell’amministrazione comunale biturgense.