Teatro degli Illuminati gremito per il Concerto della memoria

  • Teatro degli Illuminati gremito per il Concerto della memoria
  • Teatro degli Illuminati gremito per il Concerto della memoria
  • Teatro degli Illuminati gremito per il Concerto della memoria
  • Teatro degli Illuminati gremito per il Concerto della memoria
Teatro degli Illuminati gremito per il Concerto della memoria

Le rievocazione di pagine nere della storia del Novecento attraverso la musica: successo a Città di Castello per il Concerto della Memoria promosso e organizzato a ingresso gratuito al Teatro degli Illuminati da Sogepu, la società pubblica che gestisce lo stesso teatro. La Wind Orchestra del Conservatorio “Luigi Cherubini” di Firenze diretta dal maestro Guido Corti ha suscitato molti applausi da parte del pubblico per l’interpretazione da parte dei giovanissimi allievi sul palco di opere celebri come “L’opera da tre soldi” di Kurt Weill e la “Rhapsody in Blue” di George Gershwin, nella versione originale del 1924. La musica proibita dal regime nazista, filo conduttore del concerto promosso in occasione della “Giornata della Memoria”, ha visto sottolineare i propri valori artistici grazie all’entusiasmo e al virtuosismo dei giovanissimi strumentisti a fiato, sostenuti anche dal talento dei solisti: la pianista Marlene Fuochi, il soprano Jade Lin e il tenore Leonardo De Lisi. In sala anche il direttore del Conservatorio “Luigi Cherubini” di Firenze Paolo Zampini, che ha presentato il concerto mettendo in luce la collaborazione con il Comune e Sogepu. Molti consensi durante il concerto e successo schietto alla fine per tutti gli interpreti.

Ultime notizie di Cultura per Città di Castello