Volley: il Ferrara mette KO il Città di Castello

Volley: il Ferrara mette KO il Città di Castello
Volley: il Ferrara mette KO il Città di Castello

(25-15/25-22/25-20)

KRIFI CAFFE’ 4TORRI FERRARA: Zambelli 4, Spagnol 10, Masotti 9, Ballerio 13, Smanio 9, Bragatto 8, Martello (L), Ceban, Buiondi, Ruffo, Grazzi 4. N.E.: Bertoli (L2), Morelli. All.

JOB ITALIA CITTA’DI CASTELLO: Marini, Giglio 1, Cipriani 11, Franceschini 9, Zangarelli 6, Marino 4, Cioffi (L), Cesari (L2), Celestini 1, Monaldi 6, Zampetti. N.E.: Fuganti, Montacci, Camilletti. All. Bartolini.

Arbitri: Luca Porti e Alessia Fabbretti

NOTE: Ferrara (b.v. 4, b.s. 8, muri 5, errori 9), Città di Castello (b.v.1, b.s. 9, muri 3, errori 9)

Chiusura di anno amara per Città di Castello che esce sconfitto dal parquet della 4Torri Pallavolo Ferrara. Job Italia che va in campo senza Fuganti Pedoni ed anche Cherubini e Valenti, per cui Marco Bartolini inserisce in sestetto Celestini e lascia invariato il resto cioè la diagonale Giglio-Cipriani, Zangarelli è l’altro posto 4, Franceschini e Marino al centro e Cioffi libero. A referto anche il secondo allenatore Mirco Monaldi.

Va subito avanti la squadra di casa grazie a un paio di importanti turni al servizio. Sul 12-7 per i padroni di casa Marco Bartolini ferma il gioco ma al rientro il muro emiliano risulta implacabile. L’allenatore tifernate ricorre al secondo time out sul 15-7 poi getta nella mischia Zampetti in seconda linea al posto di Celestini. Lo schiacciatore toscano rimane anche in prima linea, Ferrara se ne va e chiude 25-15.

In avvio di secondo set entra Monaldi nel ruolo di opposto con Cipriani che è spostato in zona 4: Città di Castello ha un minimo vantaggio (2-3) poi è ancora il servizio ferrarese a creare il primo break (6-3). La Job Italia recupera e si porta sotto (8-7) ma la 4Torri allunga di nuovo (15-10, time out Bartolini). In questa fase i ragazzi tifernati comunque lottano e cercano soluzioni per mettere in difficoltà i padroni di casa ma sono sempre tre i punti di recuperare (19-16). Nuovo time out di Bartolini sul 22-17 ed ottiene un parziale di 1-5 (23-22 e time out Ferrara) poi i soliti errori condannano la Job Italia (25-22).

Nel terzo set c’è il punto a punto fino al 6-6 poi un primo vantaggio della Job Italia (6-8). La reazione dei padroni casa frutta un 3-0 (9-8). La 4Torri si porta ancora avanti di tre (15-12) ma è agganciata da Città di Castello che tenta il tutto per tutto (16-16). Un paio di errori in ricezione consentono ai ferraresi di portarsi avanti (22-19, time out Bartolini) e di chiudere set e match (25-20).

La speranza è che nel 2020, con il rientro di Fuganti Pedoni e migliori condizioni generali, i ragazzi tifernati possano recuperare qualche posizione in classifica in un girone che si annunciava complicato e che lo sta dimostrando.