Arresti e sequestri alla 'ndrangheta da parte della Polizia di Stato, coinvolta anche l'Umbria

Arresti e sequestri alla 'ndrangheta da parte della Polizia di Stato, coinvolta anche l'Umbria
Arresti e sequestri alla 'ndrangheta da parte della Polizia di Stato, coinvolta anche l'Umbria

Le mani della ‘ndrangheta sull’Umbria. E’ in corso una vasta operazione della Polizia di Stato contro alcune storiche cosche che – oltre ad operare nel territorio di origine – avevano infiltrato in modo significativo e a più livelli l’ Umbria. 

Ventisette arresti e sequestri per 10 milioni di euro per stroncare la ‘ndrangheta in Umbria, dove sono stati posti i sigilli  e il patrimonio a tre società tra Marsciano, Torgiano,  Corciano e la provincia di Arezzo con altre imprese monitorate in mezza Umbria ed anche in Toscana.

Infatti la società Anghiari Residence srl -già sequestrata dal tribunale di Latina- è risultata essere nelle disponibilità di una delle cosche.

L'inchiesta dello Sco della Polizia con le squadre mobili di Perugia, Catanzaro e Reggio Calabria, coordinate dalle Dda di Catanzaro e Reggio, riguarda diversi presunti appartenenti alle cosche Trapasso, Mannolo e Zofreo di San Leonardo di Cutro e i Commisso di Siderno.

Dagli accertamenti e dalle intercettazioni delle due operazioni, denominate Infectio e Core business, è emerso che le famiglie di 'ndrangheta – con un sistema di scatole cinesi che si estendeva ina svariati livelli _ non solo continuavano ad operare nei territori storicamente controllati ma erano riuscite ad infiltrare anche il tessuto umbro.