ALTRO SECCO KO ESTERNO (0-3) A CAPANNORI PER LA CO.ME.T. VOLLEY CITTA’ DI CASTELLO

ALTRO SECCO KO ESTERNO (0-3) A CAPANNORI PER LA CO.ME.T. VOLLEY CITTA’ DI CASTELLO
ALTRO SECCO KO ESTERNO (0-3) A CAPANNORI PER LA CO.ME.T. VOLLEY CITTA’ DI CASTELLO

BIONATURA NOTTOLINI CAPANNORI – CO.ME.T. VOLLEY CITTA’ DI CASTELLO  3-0

(25-12, 25-15, 25-22)

 

BIONATURA NOTTOLINI CAPANNORI: Mutti 6, Magnelli 12, Renieri 24, Puccini 5, Roni 15, Bresciani 1, Battellino (L1) ricez. 80%. Non entrate: Mazzotta, Salvestrini, Migliorini, Giani, Ceragioli (L2). All. Sandro Becheroni e Matteo Lupetti.

CO.ME.T. VOLLEY CITTA’ DI CASTELLO: Errichiello 14, Lachi 3, Borelli 3, Gobbi, Sergiampietri 7, Cesari (L) ricez. 48%, Mancini 5, Vingaretti 1. Non entrate: Leonardi, Belotti, Nardi. All. Francesco Brighigna e Claudio Nardi.

Arbitri: Giuseppe Soffietto di Genova e Roberto Russo di Savona.

 

CAPANNORI: battute sbagliate 5, ace 14, muri 5, ricezione 60% (perfetta 36%), attacco 45%, errori 20.

CITTA’ DI CASTELLO: battute sbagliate 4, ace 6, muri 1, ricezione 49% (perfetta 18%), attacco 27%, errori 25.

Durata set: 20’, 23’ e 29’, per un totale di un’ora e 12’.

 

CAPANNORI - Nuova secca sconfitta esterna per 0-3 (e con i primi due parziali alquanto netti) per la Co.Me.T. Volley Città di Castello, che ora è precipitata in zona retrocessione. Al PalaPiaggia di Capannori, la formazione locale della Bionatura Nottolini ha dominato con autorità la scena, mettendo in fila due pesanti quanto decisivi “filotti” e subendo il ritorno delle tifernati soltanto nel terzo set, l’unico combattuto fino in fondo. La compagine di Francesco Brighigna si è improvvisamente smarrita e non ha saputo trovare il bandolo della matassa. Lo scout della partita parla chiaro: 45% in attacco delle locali (autrici anche di ben 14 ace) contro il 27% delle biancazzurre, 60% in ricezione contro il 49% e chiara superiorità anche sui contrattacchi (43% contro 23%), a dimostrazione di quanto sia stato efficace il lavoro in difesa delle toscane, nelle cui file si è distinta l’opposto Sofia Renieri con 24 punti e un 44% di realizzazione, ma anche la laterale Beatrice Roni ha fatto la voce grossa con uno score di 15 e il 50% di prolificità. Al centro, ottima Ariana Magnelli e sempre preziosa l’esperta Erica Mutti. Sul versante Co.Me.T., segnali positivi sono giunti da Caterina Errichiello, che ha messo a segno 14 punti con una media del 38% e dalla giovane Camilla Sergiampietri: 7 punti e 55% di realizzazione. Ma resta il fatto che sul piano del gioco il collettivo ha sofferto oltre misura e che mettere a terra il pallone è stata una un’impresa alquanto ardua: questo il dato più preoccupante.

Sandro Becheroni, tecnico del Capannori, schiera la diagonale Bresciani-Renieri, la coppia centrale Mutti-Magnelli, a lato Roni e Puccini e libero la Battellino. Le scelte di Francesco Brighigna sono quelle annunciate: Vingaretti in regia, Errichiello opposto, Borelli e Sergiampietri al centro, Mancini e Lachi alla banda e Cesari libero. La partenza della Co.Me.T. Città di Castello non è negativa: un 3-0 a freddo, al quale le locali replicano subito, fino a passare avanti sul 5-4; nuovo pareggio sul 7-7, ma da questo momento in poi la Bionatura Nottolini prende il via: da 10-7 il punteggio si dilata fino a 14-9 e poi ecco la prima letale striscia di 9-0 (e 10-1 complessivo), con muri, difesa e attacco che mettono ko le biancorosse, le quali sul 10-23 rompono il digiuno per poi soccombere sul 12-25. Anche la seconda frazione vede al via Città di Castello avanti, ma il 2-0 d’acchito è ribaltato da un incredibile black-out che frutta 13 punti consecutivi alle locali, comprensivi dei tre ace di file piazzati dalla Renieri. La situazione è ancora compromessa e l’unica cosa che la squadra di Brighigna riesce a fare è quella di contenere il ritardo sulle 10 lunghezze, fino al 15-25 che manda in breve tempo Capannori sul 2-0. Al contrario, il terzo set vede più toniche in avvio le padrone di casa, che operano un altro piccolo strappo sul 6-2, rintuzzato da un Città di Castello che comincia ad alzare il muro e a trovare una buona correlazione con la difesa: sul 9-9 è aggancio, con immediato vantaggio tifernate che tocca il massimo sul 14-12; la Bionatura Nottolini riprende tuttavia ben presto il comando delle operazioni e sul 20-16 sembra oramai aver messo definitivamente le mani anche su questo set, non fosse per la reazione di Errichiello e compagne, che agguantano le avversarie sul 22-22, ma i successivi errori commessi permettono a Capannori di chiudere i giochi con i tre punti che mancano. Terza sconfitta di fila (un solo punto incamerato dopo il 3-1 al Castelbellino) e le due partite casalinghe contro Trevi e Quarrata, che precedono la sosta natalizia, rivestiranno adesso un’importanza decisiva anche per l’intera stagione della Co.Me.T. Città di Castello.