Al via il 9 novembre la campagna antinfluenzale della Asl Toscana Sud Est.

Al via il 9 novembre la campagna antinfluenzale della Asl Toscana Sud Est.
Al via il 9 novembre la campagna antinfluenzale della Asl Toscana Sud Est.

E’ iniziata la distribuzione del vaccino antinfluenzale già da questa settimana nel territorio della Asl Toscana sud est e si completerà l’8 novembre. Dunque ufficialmente la campagna antinfluenzale inizierà il 9 novembre, ma i medici di famiglia e i pediatri che via via riceveranno i vaccini possono iniziare ad effettuare la vaccinazione ai propri assistiti. Le dosi in distribuzione, ripartite per provincia, sono: 73.000 per Arezzo, 44.000 per Grosseto e 52.000 per Siena. La vaccinazione antinfluenzale è fortemente raccomandata dal Piano di Prevenzione Vaccinale 2017/2019 perché è in grado di prevenire la malattia, ridurre le complicanze, i ricoveri ospedalieri ed i decessi. La vaccinazione è offerta gratuitamente agli anziani sopra i 65 anni e ai cittadini appartenenti alle cosiddette categorie a rischio.  Nelle categorie a rischio rientrano bambini (di età superiore a 6 mesi) e adulti affetti da patologie croniche a carico dell'apparato respiratorio, cardiovascolare, renale, diabetici, bambini e adolescenti in trattamento a lungo termine con acido acetilsalicilico, bambini pretermine e di basso peso alla nascita; le donne nel secondo e terzo trimestre di gravidanza. La vaccinazione come tutti gli anni sarà effettuata dai medici e pediatri di famiglia, la cui collaborazione è fondamentale per aumentare le coperture vaccinali che, negli anni, sono andate notevolmente diminuendo in tutto il territorio regionale e nazionale. Per coloro che non sono in grado di recarsi in ambulatorio, è prevista la vaccinazione domiciliare effettuata sempre dal proprio medico di famiglia o dal pediatra. Sarà possibile vaccinarsi fino a tutto il mese di dicembre. Il vaccino è il sistema migliore per difendersi dalla malattia. Ci si può informare dal proprio medico o pediatra di famiglia o presso i centri vaccinali della ASL.