Chiesa gremita a Città di Castello per l'ultimo saluto a Giovanni Micchi

Chiesa gremita a Città di Castello per l'ultimo saluto a Giovanni Micchi
Chiesa gremita a Città di Castello per l'ultimo saluto a Giovanni Micchi

Una folla commossa ha letteralmente gremito la chiesa di Santa Maria Maggiore a Città di Castello dove oggi pomeriggio si sono svolti i funerali di Giovanni Micchi, 55 anni, morto nei giorni scorsi all’ospedale di Perugia dopo aver combattuto una lunga malattia.

In chiesa tantissime persone rappresentanti del mondo del volley, dirigenti delle società, ex giocatori, gli organizzatori della Stracastello i colleghi dell’Aci dove Giovanni lavorava, poi il sindaco, gli assessori, la moglie Lucia, la famiglia e gli amici, di una vita quelli di sempre come Angelo benedetti e Pierfrancesco Zangarelli che alla fine della messa lo hanno ricordato con parole commosse, mettendo in evidenza la gentilezza, la sincerità, il suo essere stato disponibile per tutti e con tutti anche nell’organizzare manifestazioni che poi hanno fatto la storia della città.

E con Giovanni un altro pezzo della bella Città di Castello e dello sport tifernate se n’è andato. I suoi amici della pallavolo di cui è stato appassionato commentatore radiotelevisivo in serie B e poi nei fasti della A2 e della A1, gli organizzatori della Stracastello di cui è stato ideatore assieme ad altri ragazzi della parrocchia di Santa Maria Maggiore, i tifosi juventini dello Juventus club e, soprattutto, tutti quelli che lo hanno apprezzato per le sue doti nel mondo del lavoro non lo dimenticheranno mai.

Anche da parte della redazione di Tevere Tv, un pensiero speciale per Giovanni che aveva partecipato ai tempi della grande pallavolo alla trasmissione Tevere Volley.

Nelle parole di don Tonino e nel suo ricordo semplice… che parla del sorriso di Giovanni, sincero, che  resterà sempre nei cuori di chi lo ha conosciuto.