Nulla osta per la ripartenza dei lavori a Bocca Trabaria. Giovedì incontro a Roma per il futuro della Guinza.

Nulla osta per la ripartenza dei lavori a Bocca Trabaria. Giovedì incontro a Roma per il futuro della Guinza.
Nulla osta per la ripartenza dei lavori a Bocca Trabaria. Giovedì incontro a Roma per il futuro della Guinza.

Terminati i lavori di bonifica nel cantiere di Bocca Trabaria. Dopo il ritrovamento di ordigni bellici nella zona interessata dai lavori si era reso necessario fare opere di bonifica per scongiurare la presenza di altre bombe per salvaguardare la sicurezza degli operai prima e dei futuri utenti della strada poi. Dunque la ditta incaricata dei lavori, nonostante sia terminata la bonifica, ad oggi non può far ripartire il cantiere sino a che il Ministero della Difesa non da il nulla osta. La Prefettura ha comunicato che effettueranno il sopralluogo lunedì prossimo 19 novembre.

Il sindaco di San Giustino sta cercando di accelerare i tempi sollecitando Anas a concludere i lavori nel minor tempo possibile anche in vista della stagione invernale ormai alle porte, ma purtroppo la strada 73bis è una strada statale e quindi non di competenza comunale, per questo il primo cittadino non ha alcuna capacità di risoluzione in merito. Si dice impaziente Paolo Fratini che si auspica che auspica dunque che il Governo e gli Enti Statali preposti possano muoversi con sollecitudine. Ma non rimane certo con le mani in mano. Si sta infatti muovendo l’amministrazione comunale, era stato approvato all’unanimità nella scorsa seduta del consiglio comunale la proposta di aprire la strada almeno ad un’unica corsia, con doppio senso di marcia alternato, regolato magari da un impianto semaforico. Un modo per ricreare un collegamento, seppur minimo, con la regione Marche.

Rimane ancora incerto il futuro della galleria della Guinza, si attende infatti il riesame del progetto di Anas da parte della consulta superiore dei lavori pubblici che si svolgerà a Roma giovedì 22 novembre.