Dissesto stradale: Il consigliere della Lega Corrado Belloni lancia l'allarme e chiede un intervento immediato

Dissesto stradale: Il consigliere della Lega Corrado Belloni lancia l'allarme e chiede un intervento immediato
Dissesto stradale: Il consigliere della Lega Corrado Belloni lancia l'allarme e chiede un intervento immediato

Il consigliere comunale della Lega Corrado Belloni lancia l’allarme sulla gravità delle condizioni del manto stradale della Valtiberina e in particolare del comune di San Giustino. 

“A San Giustino così come nel resto della Valtiberina le strade sono impraticabili. Occorre intervenire subito. La viabilità nel nostro comprensorio è un malus che ci portiamo dietro da anni ma a causa degli ultimi eventi atmosferici, lo stato degli asfalti del territorio comunale è ulteriormente peggiorato. Ci sono tratti di strade con elevata percorrenza dove l’ultima bitumatura risale ad un decennio fa, strade che presentano una notevole disgregazione del manto stradale tale da rendere necessaria una nuova asfaltatura e non un semplice intervento tampone che dura fino alla pioggia successiva. Il comune si deve attivare presso le istituzioni di riferimento e richiedere un pronto intervento, ne va della sicurezza cittadina. E’ evidente a tutti che le infrastrutture viarie del nostro territorio comunale e non solo necessitano con urgenza di un piano programmato di interventi per recuperare anni di abbandono e lavori sbagliati. Nel Gennaio 2017 la Lega in consiglio Regionale con il consigliere Mancini ha presentato una mozione sulla viabilità straordinaria in Altotevere, l’atto fu approvato a maggioranza, ma a distanza di oltre un anno il Governo Pd non ha ancora provveduto ad adempiere quanto deliberato e a pagare sono sempre i cittadini. Il voto dei cittadini del nostro comune dovrebbe far riflettere l’amministrazione comunale che c’è la necessità di un cambio di marcia nella gestione del territorio e dei suoi problemi. Colgo l’occasione – conclude Belloni - per ringraziare, a tutti i 1644 concittadini che il 4 Marzo ci hanno dato fiducia incoraggiandoci a lavorare per migliorare l’Italia”.