Risveglio sotto un soffice manto di neve per la vallata: scuole chiuse ma non in tutti i comuni e divieto di transito ai mezzi pesanti verso nord

  • Risveglio sotto un soffice manto di neve per la vallata: scuole chiuse ma non in tutti i comuni e divieto di transito ai mezzi pesanti verso nord
  • Risveglio sotto un soffice manto di neve per la vallata: scuole chiuse ma non in tutti i comuni e divieto di transito ai mezzi pesanti verso nord
  • Risveglio sotto un soffice manto di neve per la vallata: scuole chiuse ma non in tutti i comuni e divieto di transito ai mezzi pesanti verso nord
Risveglio sotto un soffice manto di neve per la vallata: scuole chiuse ma non in tutti i comuni e divieto di transito ai mezzi pesanti verso nord

Risveglio candito per la vallata che ha dato il benvenuto al mese di marzo sotto una soffice coltre di neve che è caduta anche a bassa quota. Quasi una sorpresa perché, se è vero che l’allerta meteo era stata diramata con largo anticipo, in molti ieri sera col naso all’insù erano poco fiduciosi sulla veridicità delle previsioni, dato che la luna alle 22 splendeva ancora in un cielo pressappoco sereno. Sono iniziati a cadere dopo le 2 di notte infatti i primi fiocchi che hanno così imbiancato soprattutto la parte nord della vallata. Scuole chiuse a Citerna e Monte Santa Maria Tiberina, oltre a Montone e Pietralunga nel territorio Umbro, regolare svolgimento delle attività didattiche invece a San Giustino, Città di Castello e Umbertide. Scuole chiuse anche in quasi tutti i comuni della Valtiberina Toscana a differenza di Pieve Santo Stefano dove qualcuno ha accompagnato i propri figli con lo slittino.

Ha creato non pochi problemi la scelta delle aperture o delle chiusure di alcune scuole: infatti la tempestiva ordinanza del comune di Sansepolcro emessa alle 17 di ieri ha permesso a genitori e docenti di organizzarsi, cosa che invece non è stata possibile in altri comuni dove la comunicazione è arrivata in extremis alle prime luci del mattino e quindi insegnanti e genitori si sono trovati a gestire una situazione ormai critica. Ampiamente criticata la scelta di non chiudere le scuole pievane, nonostante l’allerta diramata dalla Prefettura, dove la neve è caduta fitta per tutta la mattina. Così come sono piovute critiche sulla scelta di chiudere le scuole del comune di Citerna dato che la comunicazione è arrivata non prima delle 7:15 di questa mattina.

I mezzi spalaneve hanno lavorato tutta la notte: squadre al lavoro anche e soprattutto nel territorio toscano dove persiste la perturbazione nevosa. La viabilità è pressoché regolare su tutte le strade, obbligatorio l’equipaggiamento invernale, quindi pneumatici invernali in buono stato o catene. Divieto di transito assoluto ai mezzi pesanti dalle 22 di ieri sera su tutte le arterie del centro nord. Ricorda la Polizia Stradale che è assolutamente vietato montare catene sulle aree di sosta della E45: il montaggio o smontaggio di queste infatti deve avvenire o in aree di servizio o prima di entrare in superstrada quindi in piena sicurezza e non lungo il ciglio della strada.