Ultimo consiglio comunale per il comune di San Giustino

Ultimo consiglio comunale per il comune di San Giustino
Ultimo consiglio comunale per il comune di San Giustino

Nei giorni scorsi si è svolto l’ultimo consiglio comunale sangiustinese, prima della pausa estiva, che è iniziato con l’approvazione dei verbali delle precedenti sedute. Dopo l’approvazione all’unanimità della nuova carta dei diritti della bambina, proposta avanzata dalla Fidapa, sono state discusse tre diverse interrogazioni. Il gruppo “Cittadini per Cambiare San Giustino” aveva presentato un’interrogazione riguardante il cedimento e l’erosione del fondo stradale che da Santa Maria in Selci porta a Giove alla quale ha risposto l’assessore Manfroni sottolineando che il Comune procederà con una perizia di spesa per valutare l’intervento affidando la progettazione e l’opera quanto prima. L’assessore ha anche risposto in merito all’interrogazione Veschi relativa al Museo del Tabacco; struttura per la quale sono stati necessari interventi per eliminare infiltrazioni d’acqua dal soffitto. Ma quella che ha richiamato maggiormente l’attenzione dell’assise è stata quella sollevata dal consigliere Veschi riguardante la gestione della raccolta differenziata nel comprensorio sangiustinese. A rispondere è stato il vicesindaco Stefano Veschi, nonché assessore preposto all’ambiente che ha chiarito la posizione del comune, ed ha fatto il punto sulla gara ponte che il Comune di San Giustino ha intrapreso per migliorare la situazione della raccolta rifiuti e igiene urbana nel suo complesso, oramai non più in linea con le esigenze attuali. La gara – ha spiegato il vicesindaco – era l’unico mezzo attraverso il quale poteva essere migliorato il ciclo dei rifiuti nel territorio di San Giustino, in attesa dell’annosa gara bandita a livello di ambito territoriale. Purtroppo l’iter burocratico e i ricorsi che ne sono susseguiti hanno rallentato il progetto che assicura Veschi è comunque di interesse prioritario per il bene di tutto il comune.