Videosorveglianza anche sugli svincoli della E45: la giunta ha approvato un progetto da 140mila euro

Videosorveglianza anche sugli svincoli della E45: la giunta ha approvato un progetto da 140mila euro
Videosorveglianza anche sugli svincoli della E45: la giunta ha approvato un progetto da 140mila euro

La giunta comunale di Città di Castello ha approvato un importante progetto per finanziare l’installazione di telecamere di videosorveglianza nei punti nevralgici delle entrate in città, quindi in prossimità degli svincoli della E45. L’obiettivo del progetto, approvato dopo la recente sottoscrizione del Patto per l’attuazione della sicurezza urbana, è quello di garantire una maggiore sicurezza ai cittadini rafforzando i presidi del territorio. Spetta ora al Comitato Provinciale per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica della Prefettura perugina valutare il progetto e dare il via libera per la sua realizzazione. L’iter è finalizzato ad accedere ai finanziamenti dello Stato per 37 milioni di euro che sono destinati, nel triennio 2017-2019, all’attivazione di nuovi impianti di videosorveglianza per la prevenzione e il contrasto della criminalità. L’investimento complessivo infatti è di 140mila euro che l’amministrazione comunale cofinanzierà con 50mila euro e l’intervento prevede l’installazione di un sistema di lettura delle targhe dei veicoli in transito e di videosorveglianza con postazioni posizionate sulle rampe di ingresso e uscita collegate alla E45 di Città di Castello nord (nel capoluogo e in corrispondenza della piastra logistica di Cerbara) e Città di Castello sud (a Santa Lucia e a Promano). Grazie all’accesso alle banche dati nazionali, l’infrastruttura tecnologica consentirà alle forze di polizia di rilevare in tempo reale il passaggio di veicoli rubati o schedati nelle black-list, ma anche privi di assicurazione o per i quali non sia stato ottemperato l’obbligo di revisione.