Successo per la «passeggiata ecologica» lungo il Tevere: protagonisti i bambini delle scuole

  • Successo per la «passeggiata ecologica» lungo il Tevere: protagonisti i bambini delle scuole
  • Successo per la «passeggiata ecologica» lungo il Tevere: protagonisti i bambini delle scuole
  • Successo per la «passeggiata ecologica» lungo il Tevere: protagonisti i bambini delle scuole
  • Successo per la «passeggiata ecologica» lungo il Tevere: protagonisti i bambini delle scuole
  • Successo per la «passeggiata ecologica» lungo il Tevere: protagonisti i bambini delle scuole
  • Successo per la «passeggiata ecologica» lungo il Tevere: protagonisti i bambini delle scuole
Successo per la «passeggiata ecologica» lungo il Tevere: protagonisti i bambini delle scuole

Oltre 400 bambini hanno lasciato a casa, per un giorno, lo zaino e i libri trasformandosi in piccoli esploratori alla scoperta del fiume Tevere. Era proprio quello di far conoscere e vedere da vicino il corso d'acqua che accompagna la città, l'obiettivo finale della prima edizione della Passeggiata Ecologica, evento organizzato dal Canoa Club Città di Castello in collaborazione con la dirigenza scolastica del primo circolo – scuola elementare, con il patrocinio e l’aiuto di: Regione, Comune, Sogepu e Legambiente Umbria e Arpa Umbria. L'evento si è svolto giovedì 7 giugno. I piccoli di San Filippo hanno iniziato il tour dalla sede del Canoa, a Porta Prato. Poi arrivati al Laghetto dei Cigni, gli alunni delle elementari si sono incontrati con i «colleghi» delle scuole di Rignaldello e di San Pio X. Il tragitto è proseguito passando davanti al depuratore, fino a Villa Cappelletti, dove c'è stato un altro stop, con una colazione di tutti i tipi, con alimenti anche per i celiaci oppure per coloro che non potevano mangiare affettati. Dopo la pausa, i bambini – tutti ovviamente accompagnati dalle maestre – sono tornati indietro. Lungo il percorso hanno preso la parola anche esperti, tecnici ambientali e appassionati che hanno spiegato non solo l’importanza del corso d’acqua che attraversa il territorio, ma anche di altre strutture, come l’invaso di Montedoglio, l’impianto di depurazione delle acqua, oltre che il sistema idrogeologico studiato perchè le piene del Tevere non possano creare danni all’ambiente.