Sia Coperture: intervista commento con Laila Leonardi, giovane palleggiatrice dell'organico di Serie B1

Sia Coperture: intervista commento con Laila Leonardi, giovane palleggiatrice dell'organico di Serie B1
Sia Coperture: intervista commento con Laila Leonardi, giovane palleggiatrice dell'organico di Serie B1

- Comunicato del San Giustino Volley - Alla sua seconda stagione piena con la Sia Coperture San Giustino nell’organico di Serie B1, la palleggiatrice Laila Leonardi – 18 anni il prossimo 4 aprile – sta sempre più integrandosi con il gruppo e con le metodologie di lavoro, a dimostrazione di un processo di crescita che negli ultimi tempi ha cominciato a manifestarsi, non dimenticando la delicatezza e l’importanza di un ruolo che la giocatrice di Selci Lama è passata a ricoprire ancora relativamente da poco tempo. Comunque sia, Laila Leonardi ha fatto i suoi ingressi in partita, facendosi trovare sempre pronta, come avvenuto sabato scorso, quando il tecnico Marco Gobbini l’ha inserita nella parte finale di tutti e tre i vittoriosi set. La gara contro l’Eraclya Aduna Padova è stata - alla resa dei conti - una mera formalità, ma dipende sempre dal comportamento di chi tale riesce a renderla. Non è così? “Penso che il Padova non fosse stato in forma, o almeno non lo è stato qui a San Giustino – afferma la Leonardi – ma è anche vero che noi abbiamo giocato bene, a parte quel tentennamento nel secondo set”. E per te c’è stato sempre spazio; te lo aspettavi? “Beh, ho intuito che se avessimo accumulato un vantaggio di diversi punti, l’allenatore mi avrebbe fatto entrare. E quando si tratta di partita, campionato o amichevole che sia, sono sempre preparata all’evenienza”. Un premio anche ai progressi che stai compiendo? “Rispetto allo scorso anno, direi decisamente di sì. Sul piano tecnico, il miglioramento si comincia a notare ed è frutto anche dell’intesa che ho con il resto della squadra”. Nei frangenti in cui sei stata in campo, hai servito palloni alla banda ma anche al centro: hai una preferenza particolare, magari perché ti riesce meglio uno dei due assist? “No, fra banda e centro non vi sono differenze particolari: per me sono la stessa cosa nel momento in cui decido di alzare una palla”. Il rapporto con la collega di reparto, Claudia Stincone? “Tutto bene: quando davanti hai una giocatrice esperta, consigli e stimoli non vengono mai meno. Anche sabato scorso, ogni volta che sono entrata Claudia mi ha sempre dato la giusta carica”. Sabato prossimo, arriva la Lucky Wind Granfruttato Trevi in una partita che è assai più di un derby, peraltro contro un’avversaria attualmente fra le più in forma dell’intero girone; per la Sia Coperture è una sorta di crocevia di stagione: vincendo, tornerebbe in piena lizza per i play-off. Concordi? “In pieno. Fin dalla ripresa degli allenamenti, si è avvertita l’importanza di questo appuntamento, che ci capita di nuovo fra le mura amiche. È una responsabilità maggiore, ma davanti al nostro pubblico sappiamo farci rispettare. In vista di questa sfida, non dico che ci stiamo impegnando di più, perché lo abbiamo sempre fatto, ma di certo lavoriamo sodo perché questa partita la vogliamo vincere”.