M5S su ripubblicizzazione del servizio idrico: no alla proposta di Fratelli d’Italia di far subentrare Estra Spa su Nuove Acque Spa

M5S su ripubblicizzazione del servizio idrico: no alla proposta di Fratelli d’Italia di far subentrare Estra Spa su Nuove Acque Spa
M5S su ripubblicizzazione del servizio idrico: no alla proposta di Fratelli d’Italia di far subentrare Estra Spa su Nuove Acque Spa

Dopo la proposta avanzata da Fratelli d’Italia di far subentrare Estra Spa nella compagine di Nuove Acque Spa, il M5S di Sansepolcro interviene sostenendo la battaglia che da sempre il M5S combatte per la completa ripubblicizzazione del servizio idrico integrato. Estra è inoltre presieduta da Francesco Macrì, uomo della destra aretina, e sarebbe pronta ad entrare nel mercato dell’acqua di Arezzo e della Valdichiana senese. Visto che Estra è vicino al salto della quotazione in borsa il M5S non può che essere contrario a questa proposta. Secondo chi promuove l’ingresso di Estra nel capitale di Nuove Acque che dovrebbe subentrare agli attuali soci privati, questa operazionesignificherebbe “ripubblicizzare il servizio idrico”. Secondo il M5S questa è solamente una presa in giro per coprire i veri interessi di Estra nella gestione dell’acqua. Il M5S propone invece di far scadere la concessione al termine attuale senza concedere proroghe come invece è stato richiesto, per poi affidare il servizio ad una società pubblica al 100%. Il M5S conclude affermando che non vi è alcun conflitto interno al movimento sul tema dell’acqua e che l’unica volontà è quella di un servizio idrico pubblico al 100% senza prese in giro verso i cittadini.