Dopo il sopralluogo di sabato 21 aprile importante passo avanti per la Casa della Salute

Dopo il sopralluogo di sabato 21 aprile importante passo avanti per la Casa della Salute
Dopo il sopralluogo di sabato 21 aprile importante passo avanti per la Casa della Salute

Colpo di scena sulla questione Casa della Salute di Sansepolcro: il direttore generale della Asl Toscana Sud-Est si allinea con la proposta del M5S e annuncia che la Casa della Salute sarà realizzata nei locali del Distretto Socio-Sanitario di via Santi di Tito. Questo è quanto emerso dopo il sopralluogo eseguito sabato 21 aprile dei locali candidati alla realizzazione della Casa della Salute. Presenti oltre al Dott. Enrico Desideri, i responsabili della Asl, il sindaco Cornioli e l’assessore Paola Vannini, il presidente della commissione affari Giuseppe Torrisi. La delegazione del M5S che ha voluto il sopralluogo era composta dalla deputata Chiara Gagnarli, dal consigliere regionale Andrea Quartini, dalla consigliera comunale Catia Giorni e dall’attivista Maruska Mercati. Prima di sabato mattina sembrava ormai certa la collocazione della Casa della Salute all’interno del Centro Commerciale Valtiberino, nonostante il parere contrario delle opposizioni in particolare del M5S. Il Dott. Desideri ha invece accolto la proposta dei 5 Stelle di ubicare la Casa della Salute nei locali del Distretto Socio-Sanitario ma sarà necessaria un’ottimizzazione degli spazi e il servizio vaccini e la medicina di prevenzione saranno trasferiti all’Ospedale. La soluzione non sarà però subito disponibile visto che dovranno essere fatti lavori importanti all’ospedale. Desideri ha perciò proposto di avviare la Casa della Salute momentaneamente nei locali del Centro Commerciale e poi trasferirla definitivamente in quelli del Distretto. In merito a ciò il M5S ha dichiarato quanto segue:

“Diciamo subito che la soluzione non ci convince poiché purtroppo sappiamo bene come nel nostro Paese nulla sia più definitivo del provvisorio. Proprio per questo continueremo a lavorare sulla questione, in maniera ancora più convinta e consapevole, forti anche del fatto una parlamentare e un consigliere regionale hanno potuto visionare tutta la situazione e sono pronti a darci tutto il supporto che serve.

Riteniamo inoltre che tali tempi (indicati da Desideri in almeno 3 anni) possano essere sensibilmente accorciati trasferendo la medicina di prevenzione in altri locali pubblici come, ad esempio, Palazzo Pretorio. Abbiamo indicato tale sede non a caso poiché nelle settimane passate era stata individuata dal sindaco come unica sede pubblica disponibile, ma sicuramente insufficiente per accogliere – da sola – la Casa della Salute. Nell’incontro di sabato tuttavia il Sindaco ha annunciato che l’opzione Palazzo Pretorio non esisterebbe più perché il Comune ha dei grandi progetti. Che il palazzo necessiti di una rivitalizzazione è evidente, sarà un piacere valutare quanto prima i progetti dell’Amministrazione e valutare se possano integrarsi con eventuale trasferimento (temporaneo) della medicina di prevenzione. I locali destinati alle vaccinazioni (tre stanze) potrebbero invece, secondo noi, essere da subito trasferiti all’Ospedale.

Chiederemo dunque all’ASL di valutare attentamente tali opzioni e mettere nero su bianco delle date certe per la costituzione, che a nostro parere può avvenire in tempi rapidi e senza soluzioni “temporanee”, della Casa della Salute nei locali del Distretto Socio-Sanitario. Sarà dunque necessaria la massima attenzione da parte nostra e di tutte le altre forze politiche affinché tali impegni siano mantenuti. Un elemento di dubbio espresso dalla consigliera Giorni e sul quale al momento non è stata fornita una adeguata risposta è legato ai costi dei lavori di adeguamento dei locali del Centro Commerciale. Finora infatti è sempre stato detto che i medici si accolleranno tutte le spese, ma ci sembrerebbe anche legittimo qualche dubbio da parte loro nel sostenere delle spese per una soluzione solo temporanea. D’altro canto sempre dai medici speriamo di poter vedere un cambiamento di indirizzo dopo la lettera ufficiale da loro sottoscritta e recentemente pubblicata anche sulla stampa nella quale pongono l’amministrazione e l’ASL di fronte ad un inaccettabile aut-aut (o al Centro Commerciale o niente).

Prendiamo dunque con soddisfazione quanto ottenuto nell’incontro di sabato, ben sapendo che si tratta solo di un primo importante passo ed il percorso sarà molto lungo. Sottolineiamo che molti esponenti della ASL hanno riconosciuto l’importanza del sopralluogo da noi richiesto e della nostra azione politica, dicendo inoltre che il Movimento 5 Stelle è stata l’unica forza politica a cercare un confronto costruttivo con loro su questo tema. Apprezziamo l’atteggiamento collaborativo e costruttivo del dott. Desideri e ci auguriamo che possa essere foriero delle soluzioni più corrette e giuste per Sansepolcro e per la salute dei propri cittadini. Per quel che ci riguarda, noi non abbasseremo mai la guardia su questa questione e non accetteremo soluzioni di compromesso.”