Il capogruppo del M5S Marco Gasperi chiede con un ordine del giorno di velocizzare i tempi per gli accessi agli atti

Il capogruppo del M5S Marco Gasperi chiede con un ordine del giorno di velocizzare i tempi per gli accessi agli atti
Il capogruppo del M5S Marco Gasperi chiede con un ordine del giorno di velocizzare i tempi per gli accessi agli atti

Il capogruppo pentastellato tifernate Marco Gasperi interviene per chiedere di “modificare il regolamento del consiglio comunale di Città di Castello, per portare il termine massimo relativo agli accessi agli atti da 30 a 10 giorni e fissare in 10 giorni, anziché nei 30 attuali, la scadenza per le risposte relative alle interrogazioni scritte”. Gasperi con il questo ordine del giorno sollecita un intervento che permetta di agevolare il lavoro dei consiglieri comunali e che renda più funzionali le sedute dell’assemblea. Secondo Marco Gasperi c’è la necessità “di avere accesso agli atti dell’amministrazione in tempi rapidi e di ricevere prima possibile le risposte ai propri interrogativi per riuscire a svolgere al meglio la propria attività politica”. E per l’esponente del Movimento 5 Stelle “i 30 giorni ad oggi previsti per assolvere alla procedura di accesso agli atti risultano, di fatto, essere un termine previsto per legge e riferito a tutti i cittadini, mentre ai consiglieri comunali deve essere dato accesso rapido a tutti gli atti dell’amministrazione e ad atti ad essa rapportabili”. “Oggi, invece – evidenzia il consigliere pentastellato - non è previsto dal regolamento del consiglio comunale di Città di Castello nessun accesso rapido per alcun atto”.