Indagati due vertici di SoGePu dopo i controlli di Carabinieri e Arpa

Indagati due vertici di SoGePu dopo i controlli di Carabinieri e Arpa
Indagati due vertici di SoGePu dopo i controlli di Carabinieri e Arpa

Due avvisi di garanzia sono stati emessi dalla Procura della Repubblica di Perugia nei confronti dei vertici di Sogepu a seguito di alcuni accertamenti effettuati nella discarica di Belladanza nei mesi scorsi dai carabinieri del Noe (Nucleo operativo ecologico ambientale) insieme ai tecnici di Arpa Umbria. Nel corso di queste verifiche sarebbero emerse alcune irregolarità rispetto alla gestione dell’impianto anche in seguito ad alcune prescrizioni imposte dall’Aia (autorizzazione integrata ambientale).

L’amministratore unico di Sogepu Cristian Goracci e il direttore tecnico della società Ennio Spazzoli sono chiamati a rispondere degli accertamenti secondo i quali alcuni rifiuti sarebbero entrati nell’impianto con una classificazione diversa  da quella reale e si tratterebbe di rifiuti contenenti valori di nichel superiori al consentito. Elementi che sarebbero emersi dalle analisi di Arpa che a ottobre 2017 ha inviato i propri tecnici a Belladanza a prelevare parti di rifiuti campione  anche di quelli provenienti da alcune aziende private che si occupano di smaltimento. Il pubblico ministero che indaga è Gemma Miliani che contesta tra le altre cose solo a Goracci una mancata prescrizione dell’Autorità integrata ambientale per le emissioni al camino del biogas della discarica di Belladanza dove sarebbero emersi superamenti nelle emissioni che, secondo Arpa, Goracci non avrebbe comunicato entro le 48 ore.