Approvato in consiglio comunale l'ordine del giorno riguardante il traffico nel centro storico

Approvato in consiglio comunale l'ordine del giorno riguardante il traffico nel centro storico
Approvato in consiglio comunale l'ordine del giorno riguardante il traffico nel centro storico

Permessi auto per tutti i residenti del centro storico di Città di Castello e investimenti per l’installazione di dispositivi che sorveglino e restringano l’accesso alla zona a traffico limitato nel cuore della città. Sono le richieste che i consiglieri del Psi Ursula Masciarri e Luigi Bartolini e il consigliere del Pd Luciano Tavernelli hanno affidato all’ordine del giorno discusso nel consiglio comunale di lunedì 11 settembre per la qualità della vita nel centro storico, richiamando l’attenzione sulla “ulteriore differenziazione di trattamento rappresentata dalla situazione di via San Florido, nel Rione Prato, in cui i cittadini, non possono sostare nella zona dalle 8 alle 20, se non per una sola ora apponendo in vista il cosiddetto disco orario, pena sanzione, mentre dopo le 20.00 chiunque può parcheggiare”.

“E’ emersa la necessità di installare varchi di accesso nelle zone ZTL, presidiati elettronicamente al passaggio di qualsiasi veicolo. Il relativo finanziamento potrebbe essere inserito nell’ambito del progetto di Agenda Urbana per l’acquisto e l’installazione di varchi di rilevamento del passaggio dei veicoli o di altri dispositivi idonei nelle zone a traffico limitato della città, con restrizioni all’accesso, sistemi elettronici di rilevamento del transito per l’identificazione dei veicoli autorizzati e alla verifica di altre informazioni utili alla sicurezza della strada e al controllo del territorio”.

Vincenzo Bucci di Castello Cambia ha proposto di andare in commissione. A sua volta Luigi Bartolini del Psi ha chiesto di fare “un controllo dei posti auto per i residenti e in base a quello stabilire un tetto di permessi. Nicola Morini di Tiferno Insieme ha osservato invece che “Sulle soluzioni da introdurre, la mozione è in alcuni punti troppo circoscritta a un rione, a una via. Trascura i passi carrabili ad esempio, che diventano parcheggi davanti a casa”. Luciano Tavernelli del Pd ha sottolineato che “La specificità è veramente circoscritta a via San Florido” e ha dichiarato la disponibilità a parlarne in commissione. A fine dibattito l'ordine del giorno è stato approvato all’unanimità.