Alle spalle anche la terza settimana di preparazione della Sia Coperture San Giustino. Il tecnico Gobbini soddisfatto del lavoro del gruppo

Alle spalle anche la terza settimana di preparazione della Sia Coperture San Giustino. Il tecnico Gobbini soddisfatto del lavoro del gruppo
Alle spalle anche la terza settimana di preparazione della Sia Coperture San Giustino. Il tecnico Gobbini soddisfatto del lavoro del gruppo

Si è conclusa anche la terza settimana di preparazione della Sia Coperture San Giustino Volley e intanto comincia ad avvicinarsi, seppure ancora lentamente, la data di inizio del campionato di Serie B1 femminile che – lo ricordiamo – è fissato per sabato 14 ottobre alle 17 sul taraflex del PalaVolley, dove le biancazzurre esordiranno contro la neopromossa Ambra Cavallini di Pontedera della ex Gloria Lisandri. E martedì 12, con riscaldamento alle 19 e inizio della partita alle 20, la prima uscita stagionale al PalaEvangelisti di Perugia contro la Bartoccini Gioiellerie, vecchia conoscenza che quest’anno affronta l’esperienza in A2. La situazione generale del gruppo è senza dubbio positiva, a parte il piccolo risentimento che ha bloccato Eleonora Fastellini, la quale è comunque pronta per riaggregarsi. Nessuna preoccupazione per il tecnico Marco Gobbini, assistito dal fido collaboratore Claudio Nardi: “La squadra sta rispondendo bene ai carichi di lavoro – ha sottolineato Gobbini - e qualche allenamento mi ha particolarmente soddisfatto per il grado di intensità che abbiamo tenuto. Mi piace soprattutto la predisposizione al lavoro che ho notato fra le ragazze, vogliose di far bene e di trovare fin da ora i necessari equilibri nel contesto di un organico che, a parte un paio di atlete, è nuovo di zecca”. Salti dalla prima linea e disposizione in campo, ma in particolare cura dei fondamentali? “Sì, ho insistito molto su battute, ricezioni, attacchi, difese e muri, senza pensare ancora agli schemi: mi sembra un po’ presto, ma è chiaro che non mancherà molto anche ad aprire questo capitolo. Martedì andremo alla prima verifica contro un’avversaria di categoria superiore e questo “assaggio” di partita ci introdurrà di fatto anche alla parte tattica. Senza dimenticare che cominceremo ad alzare ulteriormente i ritmi, condizione fondamentale – questa - per il giusto approccio con le gare di un campionato che anche quest’anno sarà molto impegnativo e di elevato livello”.