Coniugi tifernati accusati di usura: il marito ai domiciliari e obbligo di firma per la moglie

Coniugi tifernati accusati di usura: il marito ai domiciliari e obbligo di firma per la moglie
Coniugi tifernati accusati di usura: il marito ai domiciliari e obbligo di firma per la moglie

Il Gip di Perugia ha stabilito gli arresti domiciliari per l’uomo che, insieme alla moglie, nei giorni scorsi era stato accusato di usura e tratto in arresto presso il carcere perugino di Capanne. Per  la donna invece non più i domiciliari, ma l’obbligo di firma e di non allontanarsi dal comune di residenza. I due erano stati accusati di elargire prestiti a tassi usurai a commercianti ed imprenditori in difficoltà economiche. Stando alle accuse i due erano persino disposti a minacciare e ad usare violenza qualora ci fossero stati ritardi nei pagamenti. I finanzieri avevano arrestato poco tempo fa i due coniugi, dopo che, a seguito di un controllo fiscale al titolare dell’azienda presente nel settore alimentare, questa era risultata totalmente sconosciuta al fisco. Da lì sono partite le indagini che hanno portato alla luce il giro di usura coordinato dalla coppia di coniugi.