La Baldaccio Bruni batte 1-0 in casa il Signa e centra la 2° vittoria consecutiva. Decide l’acrobazia di Terzi

La Baldaccio Bruni batte 1-0 in casa il Signa e centra la 2° vittoria consecutiva. Decide l’acrobazia di Terzi
La Baldaccio Bruni batte 1-0 in casa il Signa e centra la 2° vittoria consecutiva. Decide l’acrobazia di Terzi

La Baldaccio Bruni Anghiari ha vinto 1-0 al Saverio Zanchi con il Signa nel match valevole per l’11° turno del campionato di Eccellenza Toscana Girone B grazie al bel gol in acrobazia realizzato da Terzi all’80’. Un successo meritato per qualità di gioco, atteggiamento e occasioni da rete che ha portato in dote 3 punti d’oro sia per il morale che per la classifica. I biancoverdi hanno bissato l’affermazione ottenuta domenica scorsa in trasferta con il Badesse, hanno inanellato il 3° risultato utile consecutivo, hanno ritrovato una vittoria interna che mancava dal 24 settembre (2-0 con l’Antella) e sono saliti a quota 16 punti scavalcando proprio il Signa in una graduatoria che è ora decisamente più consona. La Baldaccio domenica si scontrerà in campo esterno con il Jolly Montemurlo, sfida da affrontare con grande attenzione e che potrebbe, in caso di risultato pieno, rilanciare definitivamente le ambizioni stagionali. Signa sconfitto ma uscito a testa alta dal Saverio Zanchi e capace di vendere cara la pelle di fronte ad una Baldaccio rimaneggiata ma in netta crescita.

La cronaca di Baldaccio – Signa

Mister Benedetti deve rinunciare agli squalificati Zurli e Bruni e agli infortunati Bonci, D’Urso e Angiolucci. Baldaccio in campo con il solito 4-3-3. In porta Giovagnoli, in difesa Fabianelli e Vicidomini ai lati di Rosati e Poponcini, mediana con Ricci, Aquilini e Bruschi, attacco con Seno e Quadroni a sostegno del riferimento centrale Terzi. In panchina anche se non al massimo Massaccesi. Nel Signa diretto da mister Arcadio il ruolo di prima punta è ricoperto da Tomberli.

La Baldaccio parte meglio e al 3’ si fa vedere in avanti con il colpo di testa di Terzi che si rivela però troppo debole per impensierire Cappelli. I biancoverdi mantengono un certo predominio territoriale, il Signa prova a giocare di rimessa per una sfida equilibrata e piuttosto bloccata. Il bomber tiberino tenta una sortita personale al 31’, ma non inquadra lo specchio. Sul versante opposto ben più pericolosa la conclusione di Tomberli che costringe Giovagnoli alla difficile deviazione in angolo. Al 33’ sempre Terzi galoppa palla al piede per oltre 40 metri e da posizione angolata chiama Cappelli alla deviazione. Il centravanti della Baldaccio crea anche al 35’ scompiglio nella difesa ospite allargando però troppo il compasso e non centrando i pali avversari. Al 40’ i fiorentini si fanno rivedere con il traversone velenoso di Marrani salvato in angolo con qualche apprensione da Giovagnoli. Il 1° tempo si chiude con la punizione di Quadroni disinnescata dai pugni di Cappelli.

La ripresa inizia con gli stessi effettivi e con il Signa più propositiva rispetto alla frazione di apertura. Dopo un inizio guardingo la Baldaccio riguadagna terreno e spinge alla ricerca del gol. Al 10’ grande opportunità per i biancoverdi con il piazzato di Quadroni e l’incornata precisa di Rosati disinnescata miracolosamente da Cappelli. Al 22’ bel lancio di Aquilini per Terzi che viene contrastato dal portiere ospite proprio al momento della battuta a rete. Al 29’ altra occasione clamorosa per la Baldaccio con il cross dalla sinistra di Quadroni e l’incornata di Terzi a botta sicura che l’estremo fiorentino salva con un intervento di puro istinto. Il Signa si fa rivedere al 34’ con la punizione di Coppola che Giovagnoli controlla uscire sul fondo. Il forcing del team di mister Benedetti viene premiato al 35’ quando in conseguenza di una mischia derivante da una punizione laterale è risolta dalla spettacolare rovesciata ravvicinata di Terzi che insacca il pallone alle spalle di Cappelli andando in rete per la 5° gara consecutiva. Il bomber festeggia la rete con i tanti tifosi biancoverdi presenti e si conferma in grande condizione. Nel finale il Signa si riversa in attacco alla ricerca del pari, ma la squadra anghiarese si difende con ordine e concede solo una conclusione agli avversari, al 41’ quando Giovagnoli va a bloccare a terra il tiro di Marrani. I 5’ di recupero non cambiano il risultato. La Baldaccio torna a vincere di fronte al suo pubblico e conquista 3 punti di grande valore. 

La gioia di mister Benedetti

Soddisfatto a fine incontro per il risultato e per la prestazione il mister biancoverde Andrea Benedetti che ha definito questo successo “molto importante per la classifica e per il morale. Non era una partita facile perché avevamo di fronte una compagine ben attrezzata soprattutto a centrocampo ed in attacco, ma i ragazzi hanno affrontato la sfida con il giusto atteggiamento e con quella compattezza che è necessaria in certe giornate. Le assenze con cui siamo stati costretti a fare i conti potevano rendere tutto ancora più complicato, ma abbiamo giocato da squadra disputando una grande prestazione. Abbiamo concesso poco e costruito molto trovando la via della rete e dando continuità alla vittoria ottenuta domenica scorsa. Ho rivisto l’atteggiamento che più mi piace e che ci potrebbe permettere, se saremo bravi a mantenerlo, di toglierci ancora altre soddisfazioni. Una gara alla volta e con la solita umiltà, ma con la convinzione di essere sulla strada giusta”.

Il tabellino del match

BALDACCIO BRUNI – SIGNA 1-0

BALDACCIO BRUNI ANGHIARI: Giovagnoli, Fabianelli, Vicidomini, Rosati, Poponcini, Aquilini, Ricci, Bruschi (Massaccesi 81’), Terzi, Quadroni, Seno (De Carlo 78’).

A disposizione: Piccini, De Luca, Panicucci, Nako, Lambardi.

All. Andrea Benedetti.

SIGNA: Cappelli, Vegni, Pelagatti (Campolo 87’), Bartolozzi, Gabrielli, Dini, Marrani, Ortega (Strupeni 81’), Tomberli, Coppola, R. Vezzosi.

A disposizione: Nerozzi, Bruni, Gambineri, Ammannati, Bizzetti.

All. Antonio Arcadio.

Arbitro: Amerigo Calonaci di Empoli. Assistenti. Giacomo Vannetti (Valdarno) e Simone Iuliano (Siena).

RETI: Terzi all’80’.

Note. Ammoniti: Quadroni, Bruschi, Dini, Gabrielli. Angoli: 2-5. Recupero: 3’+5’.