Evaso dai domiciliari 36enne ucraino si nascondeva nelle campagne di San Giustino. Arrestato dalla Polizia che lo ha trovato in possesso anche di due utensili rompivetro

Evaso dai domiciliari 36enne ucraino si nascondeva nelle campagne di San Giustino. Arrestato dalla Polizia che lo ha trovato in possesso anche di due utensili rompivetro
Evaso dai domiciliari 36enne ucraino si nascondeva nelle campagne di San Giustino. Arrestato dalla Polizia che lo ha trovato in possesso anche di due utensili rompivetro

Gli agenti del Commissariato di Polizia Città di Castello hanno rintracciato un 36enne ucraino mentre si aggirava nelle campagne in frazione Lama di San Giustino. L'uomo ha cercato di scappare correndo verso il bosco lì vicino, ha superato un corso d’acqua e ha cercato di nascondersi fra la vegetazione. Gli agenti però lo hanno trovato e bloccato. Dalla perquisizione sul 36enne sono emersi due utensili "rompivetro". Il 36, privo di documenti, è stato portato in Commissariato per essere identificato. Si è così scoperto che l'ucraino vantava numerose false identità ed era pregiudicato per reati contro il patrimonio, falso e violazione della normativa sull'immigrazione. L’indagine ha permesso di appurare che l’uomo da qualche tempo era oggetto di un provvedimento di applicazione della misura cautelare della custodia in carcere emesso dal Giudice per le indagini preliminari presso il Tribunale di Forlì. Infatti il 36enne, che si trovava agli arresti domiciliari, era evaso e aveva fatto perdere le proprie tracce. Tratto in arresto e associato al carcere di Capanne, il 36enne è stato anche denunciato a piede libero per possesso ingiustificato di arnesi da scasso.