VIABILITÀ, EDILIZIA SCOLASTICA, IMPIANTI SPORTIVI E NUOVI SERVIZI PER IL CITTADINO AL CENTRO DI INCONTRO FRA COMUNE E PROVINCIA – PRESTO A CITTÀ DI CASTELLO ATTIVO UN PUNTO DI ASCOLTO PER LO STALKING E MOBBING


Viabilità, sicurezza stradale, edilizia scolastica, impianti sportivi e palestre, nuovi servizi per il cittadino al centro di un incontro, presso la residenza municipale, fra il sindaco, Luciano Bacchetta, l’assessore allo Sport e Ambiente, Massimo Massetti, il vicepresidente della Provincia di Perugia, Roberto Bertini ed il consigliere provinciale, Paolo Fratini. Fra le novità emerse nel corso del confronto istituzionale fra i due enti, su progetti e questioni che riguardano da vicino la comunità locale e comprensoriale, l’imminente apertura nella sede tifernate dello Sportello Decentrato della Provincia di Perugia (“casa Verde” in via Martiri della Libertà) di un punto di ascolto per lo stalking e mobbing. Lo Sportello dedicato ai due fenomeni è nato nel 2012 dalla collaborazione fra la Provincia di Perugia e l'Adoc (Associazione nazionale per la difesa e l’orientamento dei cittadini) ed è attivo a Perugia, presso lo Sportello del Cittadino della Provincia in Piazza Italia tutti i martedì dalle ore 15.00 alle 17.30 e a Foligno in via Umberto I 48, il martedì dalle 16.00 alle 18.30.

Agli Sportelli Adoc Umbria, nei primi 51 giorni del 2017 si sono avute 12 segnalazioni di mobbing e 8 di stalking; inoltre si è calcolato che in un’azienda con 15 dipendenti laddove serpeggia il mobbing si ha una perdita di produttività di 150 mila euro annui. In totale il costo del mobbing in Italia si aggira sui 792 milioni di euro e colpisce prevalentemente donne e soprattutto in stato interessante che subiscono dei demansionamenti o addirittura licenziamenti. Questa è la fotografia del fenomeno scattata recentemente da Angelo Garofalo, presidente umbro dell’Adoc. “L'obiettivo di questo servizio è quello di dare assistenza legale e supporto psicologico a tutti coloro che ritengono di essere vittime di stalking e mobbing. Entro breve quindi sarà presentato ufficialmente a tutta la cittadinanza questo nuovo servizio, punto di ascolto per mobbing e stalking che la Provincia di Perugia, attraverso il proprio sportello a Città di Castello ed in sinergia con gli uffici comunali gestirà su scala comprensoriale.