CORDOGLIO A CITTÀ DI CASTELLO PER LA SCOMPARSA DI CARLA DE CESARE


Se ne è andata nella notte tra l'otto e il nove marzo a Spoleto Carla De Cesare, figlia di Antonio, giornalista e podestà di Città di Castello, nipote dell'illustre storico e uomo politico pugliese Raffaele, che sul finire del XIX secolo fece di Città di Castello la sua residenza estiva. Nel 2011 aveva donato al Comune la biblioteca di famiglia, conservata da tre generazioni nella villa a Belvedere: circa 10mila volumi, gran parte dei quali già inventariata. Per questo gesto di liberalità e per il legame dei De Cesare alla vita cittadina, il sindaco Luciano Bacchetta e l'assessore alla Cultura Michele Bettarelli hanno espresso cordoglio "per la perdita di una dei molti cittadini d'elezione che la città ha il pregio di annoverare tra i tifernati”.