2,5 Kg. di “cocaina” nascosta in CUCINA. Arrestato dalla Polizia “boss dello spaccio” di Umbertide


Nei giorni scorsi, un mirato servizio investigativo della Polizia di Stato, preordinato alla repressione del fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti nel comuna di Umbertide, si è concluso con l’arresto di uno spacciatore albanese, particolarmente attivo. I poliziotti della Squadra Mobile da tempo monitoravano il fenomeno ed in particolare un soggetto, un albanese del '77 regolarmente soggiornante e con precedenti specifici, del quale si ipotizzava il coinvolgimento nella diffusione di droghe a Umbertide. Grazie a servizi specifici di osservazione ed appostamento nella zona gli agenti lo hanno individuato ed identificato. Nel corso del controllo lo straniero è stato trovato in possesso di un modesto quantitativo (grammi 1,30 circa) di cocaina.

Dalla perquisizione alla sua auto e all’abitazione hanno fatto rinvenire involucri ben più grandi, contenenti cocaina per un peso complessivo pari a circa 2500 grammi, oltre all’immancabile bilancia di precisione e alcune banconote, ben occultate anch’esse nel cellophane, per circa 5500 Euro contanti, presumibile provento dell’illecita attività di spaccio. L’albanese quindi è stato tratto in arresto nella flagranza del reato di detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Sono in corso ulteriori approfondimenti investigativi per accertare da dove provenisse lo stupefacente rinvenuto e a chi fosse destinato.

L’arrestato, che vanta precedenti specifici è stato associato alla locale Casa Circondariale, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.