I sindaci degli otto comuni Altotevere incontrano il vice-questore aggiunto commissariato di pubblica sicurezza Lucia Ziliotto

I sindaci degli otto comuni Altotevere incontrano il vice-questore aggiunto commissariato di pubblica sicurezza Lucia Ziliotto
I sindaci degli otto comuni Altotevere incontrano il vice-questore aggiunto commissariato di pubblica sicurezza Lucia Ziliotto

Cordiale e per certi aspetti informale al di fuori dell’ufficialità l’incontro che si è svolto nei giorni scorsi fra gli otto sindaci del comprensorio altotiberino, Città di Castello, Umbertide, Pietralunga, Citerna, Monte Santa Maria Tiberina, San Giustino, Montone e Lisciano Niccone, Luciano Bacchetta, Marco Locchi, Mirko Ceci, Giuliana Falaschi, Letizia Michelini, Paolo Fratini, Mirko Rinaldi e Gianluca Moscioni, alcuni assessori della giunta municipale tifernate con il Vice-Questore aggiunto, Lucia Ziliotto (dallo scorso 9 Gennaio, dirigente del Commissariato di Pubblica Sicurezza), presso la sede della Pro-Loco di Piosina, su iniziativa dell’assessore ai Lavori Pubblici, Luca Secondi e la fattiva collaborazione di alcuni volontari del sodalizio presieduto da Luigi Perugini.

La dottoressa Ziliotto ha avuto modo di apprezzare le specialità della cucina locale e di conoscere tradizioni, usi e costumi della comunità tifernate e altotiberina. Il sindaco, Luciano Bacchetta a nome di tutti i colleghi del comprensorio e amministratori comunali presenti all’incontro ha rinnovato “la disponibilità a continuare il rapporto di grande collaborazione che da sempre caratterizza le istituzioni del territorio e le forze dell’ordine, manifestando “gratitudine e apprezzamento per il lavoro che quotidianamente svolgono a tutela della sicurezza dei cittadini e della collettività”.

Nel ringraziare le istituzioni e tutta la comunità locale per l’accoglienza manifestata in questo primo periodo di insediamento al Commissariato di Pubblica Sicurezza di Città di Castello, la dottoressa Lucia Ziliotto ha confermato di aver “trovato in altotevere, grande disponibilità, collaborazione e sinergia, per svolgere, nel rispetto dei ruoli, il proprio mandato per il bene dei cittadini e della comunità locale, sottolineando infine apprezzamento per le tradizioni, la gastronomia e le manifestazioni che caratterizzano l’intera vallata”.