Il sottosegretario al Ministero Interno Giampiero Bocci annuncia la nuova classificazione SD3 del distaccamento dei vigili del fuoco

Il sottosegretario al Ministero Interno Giampiero Bocci annuncia la nuova classificazione SD3 del distaccamento dei vigili del fuoco
Il sottosegretario al Ministero Interno Giampiero Bocci annuncia la nuova classificazione SD3 del distaccamento dei vigili del fuoco

Il sottosegretario al Ministero Interno a Città di Castello per attribuire al distaccamento tifernate dei vigili del fuoco la classificazione SD3. Presenti i sindaci altotiberini e i dirigenti del comando provinciale dei vigili del fuoco e del distaccamento di Città di Castello. 

 

 

- Nota del comune tifernate - “Oggi celebriamo una giornata importante perché il Ministero dell’Interno ha incrementato la dotazione organica del distaccamento permanente dei Vigili del Fuoco di Città di Castello, attribuendogli la nuova classificazione SD3. Voglio rinnovare la mia profonda gratitudine e riconoscenza a tutti i Vigili del Fuoco tifernati, provinciali e regionali, per il prezioso lavoro che svolgono, sempre senza sosta, a servizio dei cittadini e delle popolazioni, così come abbiamo avuto modo di vedere anche recentemente, in occasione del terremoto e di altre calamità naturali che hanno colpito l’Umbria e le regioni dell’Italia centrale. Con i suoi mille interventi, che mediamente effettua ogni anno, il Distaccamento dei Vigili del Fuoco di Città di Castello è sicuramente un distaccamento strategico a livello regionale, per la sua collocazione nell’Alta Valle del Tevere. Si tratta inoltre di un polo fluviale che in quell’area avrà competenze anche in materia di protezione delle comunità locali contro i rischi di natura idrogeologica.” E’ quanto dichiarato ieri pomeriggio a Città di Castello, dal Sottosegretario al Ministero dell’Interno, On. Gianpiero Bocci, in visita al Distaccamento dei Vigili del Fuoco. All’incontro hanno  partecipato i sindaci altotiberini, i rappresentanti regionali e provinciali dei Vigili del Fuoco, il direttore regionale, Raffaele Ruggiero, il Comandante Provinciale, Francesco Notaro, il funzionario del Distaccamento di Città di Castello, Antonio Alfieri ed il capo-distaccamento, Massimo Vescarelli, unitamente ai responsabili territoriali delle forze dell’ordine, gruppi di Protezione Civile e amministratori pubblici. Il sindaco, Luciano Bacchetta, nel suo intervento, anche a nome dei sindaci del comprensorio altotiberino presenti all’incontro, nel definire quella odierna una giornata importante grazie alla conferma della nuova classificazione del distaccamento da parte del Ministero e del Sottosegretario Bocci, ha rinnovato ai Vigili del Fuoco tifernati, provinciali e regionali, “riconoscenza profonda per gli interventi quotidiani a tutela della sicurezza e salvaguardia di tutti”. “La presenza dei Vigili del Fuoco, unitamente a quella di tutte le forze dell’ordine, di protezione civile e soccorso ci rende tutti più sicuri – ha concluso Bacchetta – a loro va tutta la nostra gratitudine e vicinanza nella consapevolezza di lavorare sempre in maniera sinergica per il bene dei cittadini e la tutela del territorio”.

Nell’anno in corso il personale del distaccamento, guidato dal Capo-Distaccamento, capo reparto esperto, Massimo Vescarelli, ha dato risposta a 1232 richieste di aiuto sul territorio di competenza così ripartite:  205 incendi, 84 incidenti stradali, 50 danni meteo, 303 aperture porte, 192 bonifiche imenotteri (calabroni), 49 soccorso persona, 245 interventi per ascensori bloccati, recupero di autoveicoli, rami pericolanti, recupero animali ed altri. Va ricordato che i Vigili del Fuoco sono tutt’oggi sul territorio investito dagli eventi sismici dello scorso anno seppur con un contingente più modesto. Oltre al soccorso il personale si è occupato assiduamente della formazione che ha visto un incremento dei corsi sulla sicurezza antincendio rivolti ai lavoratori come previsto dal D. Lgs 81/2008.