Tiferno Insieme: "Riduzioni Tari a famiglie a basso reddito valide a partire dal 2018 e sponsorizzazioni di Sogepu troppo ingenti"

Tiferno Insieme: "Riduzioni Tari a famiglie a basso reddito valide a partire dal 2018 e  sponsorizzazioni di Sogepu troppo ingenti"
Tiferno Insieme: "Riduzioni Tari a famiglie a basso reddito valide a partire dal 2018 e sponsorizzazioni di Sogepu troppo ingenti"

Nicola Morini, consigliere comunale di Tiferno Insieme, interviene sull'approvazione della mozione con la quale sono state introdotto le riduzioni Tari alle famiglie a basso reddito. Il consigliere porta alla luce anche la questione delle ingenti sponsorizzazioni di eventi fatte da Sogepu. Segue il comunicato dell'interpellanza di Nicola Morini.

 

 

La recente approvazione unanime in consiglio comunale della mozione con la quale si reintroducono riduzioni TARI alle famiglie a basso reddito è stata indubbiamente una bella pagina della politica locale. Ci si deve però rammaricare del fatto che, in mancanza di risorse nel Bilancio comunale 2017, dette riduzioni varranno solo a partire dal bilancio 2018. Eppure si tratta di una misura che costa sui 25/30.000 euro e potrebbe andare incontro a facilitare il pagamento delle bollette di 100-150 famiglie.

Vale quindi fare una considerazione sul fatto che Sogepu abbia speso quest’anno per sponsorizzare eventi, associazioni, pro-loco e società sportive circa 150.000 euro e che basterebbero il 20% di queste risorse per finanziare un provvedimento di giustizia sociale ed equità fiscale. Vorrei quindi avviare una riflessione, tramite apposita interpellanza consiliare, su quali priorità la Giunta e la maggioranza vogliano orientare il presente mandato amministrativo. Posto che l’attività sociale, sportiva, ricreativa è importante per la nostra comunità, credo che si debba avere maggiore attenzione nel finanziare provvedimenti tesi a diminuire il carico fiscale. Fra l’altro dette sponsorizzazioni di Sogepu dovrebbero essere giustificate secondo un Regolamento (delibera CDA del 27/03/2017) che all’art. 6 recita: “I contributi potranno essere erogati solo ed esclusivamente in favore di enti, associazioni, soggetti pubblici e privati che non perseguono fini lucrativi, per manifestazioni, eventi o altre attività che abbiano attinenza con l’oggetto sociale di SO.GE.PU. con particolare riferimento alla promozione delle raccolte differenziate di rifiuti, nonché alla diffusionedelle buone pratiche in materia di riutilizzo dei materiali”. Contributi che fra l’altro vanno tutti rendicontati e giustificati e quando si vede, per esempio, che fra i beneficiari del 2017 vi è l’Associazione Mostra del Cavallo, per 35.000 euro, si rimane abbastanza interdetti (anche perché dal sito internet è impossibile accedere al file che giustifica l’intervento quindi è difficile capirne le motivazioni). Stessa cosa dicasi quando fra questi beneficiari vengono annoverate alcune Società Sportive che risultano ancora debitrici di Polisport, partecipata che è in via di acquisizione da parte di Sogepu.

Tutto questo avviene in un Comune che supporta il peso di una discarica, un indubbio onere dal punto di vista ambientale che dovrebbe avere come naturale contrappeso una tassazione più lieve nelle bollette TARI.

Ciò considerato ho interpellato la Giunta per chiedere come possano essere giustificate le sponsorizzazioni di Sogepu; per capire le motivazioni della concessione di contributi all’Associazione Mostra del Cavallo e alle Società debitrici nei confronti di Polisport e a breve della stessa Sogepu; chiedo inoltre se la Giunta intenda viceversa  invertire la tendenza dando mandato ai propri rappresentanti nella partecipata di investire in iniziative che diano reale impulso all’aumento assoluto e qualitativo della raccolta differenziata.