Mario Capanna, noto esponente politico, fra i 28 non tesserati della società balestrieri di Samsepolcro che gareggeranno nel Palio di Sant'Egidio

Mario Capanna, noto esponente politico, fra i 28 non tesserati della società balestrieri di Samsepolcro che gareggeranno nel Palio di Sant'Egidio
Mario Capanna, noto esponente politico, fra i 28 non tesserati della società balestrieri di Samsepolcro che gareggeranno nel Palio di Sant'Egidio

La promessa fatta mesi addietro è stata mantenuta e l’onorevole Mario Capanna, noto esponente politico originario di Città di Castello (dove vive nella frazione di Lugnano), sarà in gara venerdì 1° settembre all’edizione 2017 del Palio di Sant’Egidio, la tradizionale sfida in onore di uno dei fondatori della città di Sansepolcro, che oppone i balestrieri ordinari a cittadini e altre persone che abbiano inoltrato preventiva richiesta alla società biturgense. Era lo scorso novembre quando in occasione della manifestazione PanOlio, tenutasi nel chiostro di Santa Chiara, era stato allestito un angolo per il tiro con la balestra riservato ai bambini. Un’iniziativa collaterale che aveva subito catturato l’interesse di Mario Capanna, il quale – presente alla rassegna nelle vesti di produttore di olio – si era voluto cimentare al tiro con una piccola balestra, esprimendo con entusiasmo al presidente Dario Casini il suo desiderio di poterlo fare anche con l’arma grossa. E così è andata. Per l’occasione, sono in totale 28 i cosiddetti “non balestrieri” iscritti al Palio di Sant’Egidio, programmato per le 21.15 al campo di tiro “Luigi Batti” e su corniolo in prolunga, come esattamente avviene in occasione del secolare Palio con Gubbio. Un nutrita schiera, quindi, che andrà a sommarsi a quella dei tesserati, per cui è facile prevedere che sui due banchi saliranno almeno una sessantina di concorrenti in una serata che, specie negli ultimi tempi, sta attirando un folto numero di spettatori al campo di tiro, trattandosi di un’occasione buona anche per ammirare più da vicino le balestre e per farsi spiegare il loro funzionamento da parte di chi ha acquisito esperienza dalla distanza dei 36 metri. Lo scorso anno, il Sant’Egidio è stato vinto dal veterano Francesco Alessandrini davanti al giovane Patryk Trappoloni (non tiratore ordinario, anche se figlio di un balestriere) e ad Andrea Cestelli. La giornata del 1° settembre, però, assume una preliminare veste istituzionale nel pomeriggio: alle 18.00, in una sala consiliare di Palazzo delle Laudi divenuta oramai sede della cerimonia, verranno tolti i veli al drappo del Palio che domenica 10 settembre, in piazza Torre di Berta, si contenderanno le storiche rivali, Gubbio e Sansepolcro. Come già anticipato da mesi, l’autore del dipinto è l’artista siciliano Enzo Di Franco, da tempo amico della Valtiberina e della città di Sansepolcro, dove da lunedì 11 settembre esporrà alcune sue opere nella sala a piano terra di Palazzo Pretorio. In quest’ultimo luogo, sempre venerdì 1° settembre alle 17.00 verrà inaugurata la mostra fotografica collettiva “Alfieri di Sansepolcro”, curata dal locale Gruppo Sbandieratori.