Castello Cambia: "Mostra del cavallo altra grande vittoria di Bacchetta e Cecchini"

Castello Cambia: "Mostra del cavallo altra grande vittoria di Bacchetta e Cecchini"
Castello Cambia: "Mostra del cavallo altra grande vittoria di Bacchetta e Cecchini"

Castello Cambia il 31 Agosto 2016 aveva presentato una interrogazione sul futuro della Mostra del cavallo, sollecitando l’amministrazione ad occuparsi dei problemi e interpretando le preoccupazioni della città sulla continuità della manifestazione, gravata da difficoltà finanziarie per i debiti accumulati negli anni passati e da una problematica ricollocazione strutturale. Dopo un anno apprendiamo che la Mostra non si farà, almeno per il 2017, e che verrà presentato presto(?) un programma “innovativo” per rilanciarla. La Mostra del cavallo è stata a lungo evento di eccellenza, per i numeri, per l'interessamento e il coinvolgimento delle associazioni del settore a livello umbro e nazionale, per le ricadute turistiche con significativi riscontri di presenze nei servizi alberghieri, per l’esposizione mediatica a livello nazionale della nostra città. Quella che è stata la seconda manifestazione nazionale equina è morta sotto i colpi di una gestione inefficiente che non ha saputo affrontare i problemi che via via emergevano, complice una amministrazione comunale che ha fatto finta di non sapere fino ad ora e che ha gestito con approssimazione e incredibile ritardo anche la decisione di sospensione dell'iniziativa. Le responsabilità sono evidenti e chiamano in causa anche la Regione che ha sottovalutato il rinvio della manifestazione con una grave perdita per tutto il territorio: alle inaugurazioni della Mostra abbiamo sempre assistito alle sfilate di Presidenti e Assessori...ora nelle difficoltà, dove sono? Tutti si nascondono. Ma chi ha condotto allo sfacelo la Mostra sono stati gli amministratori dell’Ente mostra e il governo comunale che hanno minimizzato e lasciato sotto la cenere le difficoltà: non servivano e non sono serviti gli annunci, i ridicoli teatrini tra Sindaco e FAT, le richieste di pagamento a enti in dismissione, i rimpalli di responsabilità.
Facili profeti siamo stati, insieme a chi sul Messaggero, circa 10 mesi fa, scriveva: “non è che con Duranti la Mostra del Cavallo fa la fine del Centro Servizi?” Il Centro servizi è in liquidazione la Mostra del Cavallo è “rinviata” al 2018.
Città di Castello ha bisogno di rilanciare l'attenzione Regionale per sostenere una nuova programmazione delle iniziative promozionali e strutturali per risolvere le evidenti le difficoltà e i ritardi che il territorio ha accumulato in vari settori come l'economia, l'associazionismo, la cultura, lo sport, le infrastrutture e servizi. Per quanto ci riguarda ci auguriamo che l'Amministrazione Comunale sia capace di minore presunzione e maggiore ascolto, che abbandoni la solita logica che indica sempre le stesse soluzioni: costruire in terreni finora agricoli, cambiandone la destinazione! Occorre riportare al centro dell'iniziativa il rilancio e non lo sfruttamento del territorio. Accompagniamo l'annuncio dell'incarico al nuovo Presidente della Mostra del Cavallo con il nostro augurio di buon lavoro, sperando che sia capace di un maggior coinvolgimento della Città nelle soluzioni per un vero rilancio della Manifestazione e del territorio.