Trenta giorni di tempo per consegnare la relazione delle tracce ematiche estratte dagli oggetti di Piter Polverini


Si lavora a ritmo serrato nel laboratorio dell’Università statale di Pisa incaricato dell’accertamento tecnico irripetibile sui reperti di Piter Polverini sequestrati dai Carabinieri nel caso dell'omicidio di Katia Dell'Omarino del quale il 24enne sangiustinese è incolpato. Nella giornata di lunedì scorso ad Arezzo il Pm Julia Maggiore ha affidato l'incarico alla genetista pisana Isabella Spinetti appunto per gli accertamenti in questione, che riguardano il martello quasi certamente usato per l’assassinio, un panno insanguinato e l'auto guidata dal Polverini la notte dell’omicidio. E direttamente lunedì pomeriggio la dott. Spinetti ha cominciato le sue analisi, dopo aver ricevuto i reperti dai Carabinieri della Tenenza di Sansepolcro, estraendo le varie tracce ematiche presenti. A giorni la fase successiva, quella che riguarda la comparazione: le tracce di dna isolate verranno confrontate con quelle della vittima o del Polverini, in base all’oggetto esaminato. Il ritmo degli accertamenti è comunque veloce, sulla base dell’esplicita richiesta formulata dalla Procura di Arezzo, la quale ha intenzione di avviare al più presto il processo. Bisogna poi ricordare che le indagini dei militari mirate al ritrovamento dell’arma del delitto non avevano dato riscontri fino a quando lo stesso Polverini, al momento stesso del suo arresto, indirizzò gli inquirenti al luogo dove il martello era stato nascosto unitamente al panno insanguinato usato per ripulire l'oggetto contundente, che proveniva dalla cassetta degli attrezzi del padre di Piter, ma anche per cancellare eventuali tracce  dal sedile dell’auto, una Nissan X-Trail sempre di proprietà del genitore. L’accertamento è seguito a Pisa dal dott. Angelo Stamile, perito di parte della famiglia Polverini. La dott. Isabella Spinetti ha partire da lunedì scorso ha a disposizione trenta giorni per consegnare in Procura ad Arezzo l’esito dei suoi esami, ma è assai probabile che molto prima arrivino le prime risposte scientifiche.