ALLA 37^ EDIZIONE DEL TARTUFO BIANCO TUTTO IL MEGLIO DI CITTA' DI CASTELLO


Città di Castello dà il benvenuto alla 37a Mostra Nazionale del Tartufo Bianco, appuntamento d’autunno con la prelibata trifola dell’Alto Tevere Umbro e il Tour delle eccellenze enogastronomiche del territorio a chilometri settanta. 


Comune di Città di Castello, Regione Umbria, Comunità Montana Alto Tevere, Associazione Tartufai Alto Tevere sono i soggetti organizzatori della kermesse che da venerdì 28 Ottobre a Martedì 1 Settembre prodotti esclusivamente Igc e Dop da cucinare e acquistare nei mercati, nei saloni e nei numerosi spazi di degustazioni libere che vi aspettano nelle piazze del centro storico. Chef rinomati cucineranno con e per i visitatori del Tartufo Bianco, menù tipici e Showcooking all’insegna dei sani stili di vita e contro lo spreco alimentare, per i bambini un intero laboratorio e il primo Salone dei presidi dell’Umbria Slow Food. 


Cinque giorni di eventi da record con la Carica dei 101 cani da tartufo e la gradita visita del Trentino Alto Adige, cene con ballo e percorsi d’arte alla scoperta di Città di Castello, la patria di Alberto Burri e di Raffaello. 


Quest'anno il Tartufo non sarà soltanto per ogni tasca ma anche per ogni età con i numerosi laboratori dedicati ai bambini che punteggeranno la mostra nello Showccoking di Corso Cavour e presso il Salone Bio in Piazza Matteotti 


Ma il Tartufo Bianco quest’anno ha anche un’altra missione importante da compiere: aiutare le popolazioni colpite dal terremoto di Amatrice ed Accumoli. Saranno ospiti con i consorzi di prodotti tipici e a loro saranno dedicati iniziative  e campagne di solidarietà perché ciò che è sano sia anche buono.

 

“La Mostra del Tartufo è una vetrina di quanto di meglio produce Città di Castello” ha detto l’assessore al Turismo e Commercio Riccardo Carletti, sottolineando i temi di questa edizione: solidarietà, chilometri 70, prodotti certificati, grande spazio per degustazioni e attività per bambini. Un grande articolato cartellone di iniziative, spalmate su cinque giorni e realizzate grazie ai tantissimi soggetti che hanno collaborato anche quest’anno con professionalità ed entusiasmo. Un valore aggiunto imprescindibile per la mostra”. Un grazie da parte di tutti è andato all’organizzazione ed in particolare alla coordinatrice Anna Cagnoni. Anche Mauro Severini, attualmente commissario liquidatore della Comunità Montana, storica promotrice dell’evento, si è associato ai ringraziamenti, sottolineando il progetto di promozione “Tour delle eccellenze a chilometro zero”, “l’equivalente della filiera corta ma su una dimensione regionale, che rappresenta lo strumento del Piano di Sviluppo rurale della Regione Umbria per valorizzare la nuova agricoltura ed i nuovi agricoltori, spesso giovani e aperti alla multifunzionalità delle aziende. La Mostra dura cinque giorni ma in questo stretto lasso di tempo seminiamo per un intero anno, lasciando segnali e imput di lungo periodo nei visitatori, perché la Mostra del Tartufo è un evento globale, coinvolge tutta la città”. Ricordando Luigi Angelini, fondatore 37 anni fa della Mostra, Alessandro Ghigi, presidente dell’Associazione Tartufai dell’Alta Valle del Tevere, ha parlato dell’appuntamento della domenica con la gara dei cani da tartufo, rilanciando un tema caro alla categoria: la modifica nelle politiche regionali sul tartufo ed in particolare alla legge in vigore”.


Sarà di nuovo il centro storico Tifernate ad accogliere la Mostra, aprendo piazze, palazzi nobili e dimore storiche, grazie alla collaborazione dei proprietari. 


Da venerdì 28 Ottobre in Piazza Matteotti e in Piazza Gabriotti torneranno I Mercati: Sapori di Tartufo, con i migliori operatore del settore e i migliori tartufi del territorio, Sapori d'Italia e in Largo Gildoni Sapori a chilometri zero, che rappresenta il filo conduttore della mostra, quest'anno impegnata nel promuovere l'agricoltura di qualità dell'Alto Tevere Umbro, una realtà in crescita è pronta a presentarsi ad una domanda di sicurezza alimentare a prezzi sostenibili.  


Eccellenze in mostra nei mercati e in cucina nei Saloni: il IX Salone del vino e del sigaro a cura di Ais Umbria Delegazione Città di Castello presso il Palazzo comunale, che per l’intera giornata di domenica 31 ottobre ospiterà il VI Concorso Enologico regionale categoria IGT, il IX Salone dell’olio a cura di Aicoo, con la partecipazione della Confraternita dell’olivo e dell’olio dell’Alta Valle del Tevere, in Piazza Matteotti il II Salone della Biodiversità a cura dell’Associazione Pro Bio, alle 17.00 di ogni giorno diventerà Come in fattoria, con attività per bambini e a seguire degustazioni per le famiglie. Infine il Laboratorio del gusto, con i progetti di Terra Madre sotto il Loggiato Gildoni a cura di Slow Food e di Marino Marini, con la partecipazione del libero impastatore Andrea Pioppi. Nel Tour delle eccellenze, oltre al mercato, due aree degustazioni in Piazza Matteotti e presso lo Showcooking di Corso Cavour, lungo Corso Vittorio Emanuele le Eccellenze al chiostro presso i Palazzi Lignani Marchesani, con menù a tema, preparati dagli chef Vincenzo Bianconi, Renzo Dini e Giacomo Passeri. 

 

Il Consorzio di tutela del Vitellone Bianco dell'Appennino Centrale sarà l'animatore presso l'area degustazione di Piazza Matteotti di Il massimo in cucina dove visitatori e chef si cimenteranno in cucina, preparando Un piatto ogni 45 minuti. Ospiti d'onore: il Campione nazionale di Piazza Gianluca Passetti Lunedì 31 Ottobre alle ore 11.00 e alle 17.00 Giorgione del Gambero Rosso. Martedì alle 17.30 Il Tartufo con Chef Manucci e per l'intera durata della manifestazione sei piastre elettriche saranno a disposizione dei visitatori per il Tartufo fai da te, una sfida a cucinare il miglior uovo al tartufo. Naturalmente non mancheranno i piatti della tradizione delle società rionali Prato, Madonna del Latte, Riosecco e le castagne della Pro loco di Monte Santa Maria Tiberina. I Ristoranti del Tartufo di Città di Castello nei giorni della mostra offriranno menù tipici in onore della trifola altotiberina. 

 

Educazione, prevenzione e tanto spettacolo a Il buono della natura in Corso Cavour, laboratori, Arte e Prevenzione a cura del Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione Usl Umbria in collaborazione con FIDA, I.P.S.A.R. di Assisi, Città di Castello, Form di Foligno, “G.O. Bufalini” di Città di Castello. Per i bambini tra i sei e gli undici anni venerdì 28 ottobre dalle 16.00 alle 17.00, sabato, domenica e lunedì dalle 10.00 alle 12.00 L'ora della merenda e Fruttasballo, gli ormai famosi cocktail analcolici per divertirsi responsabilmente. Sabato 29 Ottobre Salute Frutta Expò Fantasia di Bevande dalle 10.00 alle 12.00 con la medesima filosofia di Salute Expò Junior, un evento in programma Domenica 30 Ottobre dalle 10.00 alle 12.00. In Alternative Show dalle 17.00 alle 19.00 tutti i giorni un incontro ravvicinato con gli chef all'insegna della salute e contro lo spreco alimentare. Naturalmente non mancherà l'appuntamento con Okkio ai funghi, per riconoscerli e saperli consumare senza rischi. 


Gli eventi: il primo è la solidarietà per Amatrice ed Accumoli, colpite dal recente sisma che saranno al centro delle cene e di una raccolta di fondi diffusa nei luoghi della fiera. A loro sarà dedicato anche il percorso artistico Cola dell’Amatrice al servizio dei Vitelli a cura di Associazione Artea in collaborazione con Il Poliedro. Ad ingresso libero e prenotazioni al numero 075 8520654, si svolgerà a Palazzo Vitelli Domenica 30 Ottobre dalle 10.00 alle 16.00. In rappresentanza sono stati invitati i Consorzi Prosciutto Amatriciano IGP e San Pellegrino Val di Fassa. 


Oltre al gradito ritorno del comune di San Prospero, ospite della XXXVII edizione del Tartufo Bianco sarà il Trentino Alto Adige che porterà in Umbria la sua gastronomia e il suo folclore. Sabato 29 novembre una apericena di beneficenza, alle 20.00 presso la Sala degli Specchi, sancirà l'incontro tra Città di Castello ed il Trentino a base di tipicità ed eccellenze. 


Domenica 30 ottobre, dopo la gara di cani da tartufo, nella mattina a Parco A. Langer, arriverà in Piazza Matteotti alle 12.00 La Carica dei 101, a cura dell'Associazione Tartufai dell'Alto Tevere Umbro. “Un evento nazionalpopolare a dimostrazione che a Città di Castello il tartufo non si vende ma si cava” ha detto Maurizio Pescari, giornalista, esperto, speaker ufficiale del Tour delle eccellenze a chilometri settanta. Dove ci sono, secondo stime credibili, 6000 cani da tartufo, per un valore economico di 10milioni di euro, non può non esserci il tartufo. E la tradizione non si ferma grazie a giovani ragazze e ragazzi, con la stessa passione del padre o del nonno, che si inoltrano nel bosco e sui crinali non per cercare i tartufi ma per trovarli nei luoghi tramandati oralmente dai vecchi cavatori”.

 

Alle 20.00 di domenica 30 novembre la Sala del Camino di Palazzo Vitelli a Sant'Egidio sarà cornice di A passo di danza, degustazione enogastronomica, a cura di Ais Città di Castello, Tour dei Sapori e delle eccellenze a chilometri 70, in collaborazione con associazione di danza classica e moderna “D.Renzini” di Alessandra Carmignani. Alle 16.00 di Lunedì 31 Ottobre Il Duetto, showcooking a colpi di pizza tra il campione nazionale Gianluca Passetti e Sonia Mariani, la tifernate concorrente della II edizione Master PizzaChef. Martedì 1 Novembre alle 11.00 nello spazio Degustazioni di Piazza Matteotti Giornalisti in cucina, momento finale della visita di famosi food blogger italiani a Città di Castello, durante la quale, oltre a visitare musei e provare le eccellenze locali, saranno anche chiamati a cucinarle per il pubblico. 


Ma Il Tartufo Bianco sarà anche molto altro: la mostra di arte contemporanea Il Profumo dell’Arte, collettiva di di Riccardo Fiorucci, Franco Gaburri, Fabrizio Pruscini, Carlo Paolo Granci a Palazzo Lignani Marchesani, in Corso Vittorio Emanuele; L’Arte della Tradizione: Le Sigaraie a cura del Museo Storico e Scientifico del Tabacco sotto il Loggiato Cassa di Risparmio; La Città... a Passo di Danza, incursioni artistiche e coreografie a cura Academy Ballet di Sara Papa, Studio Danza di Rita e Roberta Giubilei, Zona Dieci. E per i visitatori della Mostra torna a grande richiesta la Card Musei, per l'ingresso ai musei e alle collezioni cittadine. 

 

“Non dimentichiamoci che in Umbria siamo stati i primi” ha concluso il sindaco Luciano Bacchetta, facendo riferimento alla data di fondazione delle ormai numerose mostre regionali del tartufo. “Questa edizione sarà ricordata per la qualità, ancora in crescita, e per il livello dell’evento, innovativo e con spunti di vero interesse. Una parte rilevante sarà svolta dalla solidarietà per Amatrice ed Accumoli, che sono nel nostro cuore, perché abbiamo molti più punti di contatto di quanto si pensi con loro: basti pensare che Cola dell’Amatrice è stato attivo nei Palazzi Vitelli e che anche Accumoli, sebbene ora intestato ad altri, aveva un palazzo Vitelli”.

 

La 37° Mostra del Tartufo bianco si aprirà nel pomeriggio di venerdì 28 ottobre e sarà inaugurata con il classico tagliato del nastro sabato 29 ottobre alle 11.00 in Piazza Matteotti.