«Due cuori sei zampe» si batte per non far deportare i cani di una struttura situata in campagna


A San Giustino l’associazione «Due cuori sei zampe» vuol impedire la deportazione de i cani attualmente sistemati in una struttura situata in campagna. L’edificio è stato al centro di una lunga e intricata vicenda giudiziaria a  partire dallo scorso 24 ottobre con un controllo da parte di alcune Guardie Zoofile del Wwf che poi fecero un post su Facebook, contro cui l’associazione «Due cuori sei zampe» ha presentato una querela per diffamazione. Seguirono le indagini del Corpo forestale dello Stato, che comminarono una multa amministrativa all’associazione. Poi sono scattate varie ispezioni incrociate, al termine delle quali l’associazione ha querelato l’Asl e il Comune, che aveva emanato un’ordinanza per lo sgombero dei cani presenti nella struttura, cui i volontari si stanno opponendo, non solo con documenti e querele ma anche con azioni eclatanti, come quella del presidio attualmente in atto per evitare il trasferimento dei cani.