Finita l'edizione 2016 del Kilowatt Festival è tempo di bilanci. Grande visibilità per la città di Sansepolcro


La quattordicesima edizione di Kilowatt Festival "E' tempo di risplendere" si è conclusa sabato scorso 23 luglio a Sansepolcro, dopo aver presentato un ricco programma di teatro, danza, musica, fotografia, incontri, convegni che hanno fatto di Sansepolcro, ente capofila del progetto europeo Be SpectACTive, un punto di riferimento nel panorama teatrale nazionale dal forte respiro internazionale. Era la 14esima edizione di Kilowatt Festival, promosso dall’associazione CapoTrave/Kilowatt, diretto dal regista e drammaturgo Luca Ricci, realizzato in collaborazione con il Comune di Sansepolcro, con il sostegno del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, della Regione Toscana e di numerosi sponsor locali. Alcuni dei più significativi artisti della scena nazionale e internazionale nella ricerca teatrale, musicale, coreutica e visiva hanno dato l’ossatura a un cartellone di 59 repliche: 46 differenti spettacoli, 163 gli artisti e 53 i tecnici che sono stati presenti a Sansepolcro, gratificati da 4.000 spettatori paganti, facendo anche registrare oltre 2.000 presenze ai 16 eventi collaterali gratuiti. Tutto ciò ha senza dubbio fatto di Sansepolcro uno dei centri teatrali e culturali più rilevanti di questa estate di spettacolo nel nostro paese. Dal punto di vista del lavoro, 28 persone del territorio sono state regolarmente retribuite per il loro lavoro, 36 sono stati i volontari che hanno prestato il loro contributo per la buona riuscita del festival. Questi gli aridi numeri, tuttavia significativi dello sforzo organizzativo ma anche della riuscita del festival. Spettacolare anche l’ultima rappresentazione, incentrata sulla performance de Il teatro dei Venti di Modena, con il suo “Il Dra-a-a-ago”, grandiosa pièce di teatro di strada di alto livello, capace di coinvolgere le centinaia di spettatori che hanno affollato per l’occasione piazza Torre di Berta e che hanno applaudito entusiasti gli attori e le loro grandi macchine teatrali. "E' stata la migliore edizione di sempre sia per il numero e la qualità degli spettacoli sia per il rapporto di simpatia che il festival ha creato con la città - ha dichiarato, assai soddisfatto, il direttore artistico Luca Ricci, che ha voluto ringraziare artisti e spettatori per aver costruito con i promotori un evento da ricordare. “Tutti insieme, con generosità reciproca, ha aggiunto Luca Ricci, abbiamo donato alla città di Sansepolcro uno straordinario patrimonio di vitalità e bellezza. Tutto questo, adesso, è nelle mani del nuovo Sindaco di Sansepolcro, Mauro Cornioli”, che Ricci si dice certo “vorrà proseguire la tendenza di crescita che il festival ha sempre espresso, di edizione in edizione, da 14 anni”.