Tonino Giunti propone a Sansepolcro che gli amministratori dedichino almeno un'ora al mese per togliere l'erbacce


Dal primo gennaio del prossimo anno, il parcheggio di via San Puccio a Sansepolcro tornerà interamente gratuito. È dunque passata martedì sera, nel corso della seduta consiliare, la mozione dei consiglieri di opposizione Tonino Giunti del Gruppo Misto e di Alessandro Rivi della Lega Nord, che quindi esprimono la loro soddisfazione per questa decisione, definita un esempio di "fare propositivo". Tonino Giunti ha anche sollevato l'opportunità di installare un bagno autopulente, considerando sia la grandezza del parcheggio sia la centralità della sua posizione; a quel punto, l'assessore Riccardo Marzi ha risposto avanzando la possibilità di realizzare dei bagni fissi, anche se non nell'immediato. Giunti e Rivi hanno poi presentato anche una interrogazione relativa all'arredo e al decoro urbano più in generale. Ed ecco l'idea venuta in mente a Giunti: "Dal momento che esiste un gruppo di amici, chiamato "RimBorghiamoci le maniche" e che gira per la città allo scopo di sistemare gli angoli meno edificanti, secondo il consigliere del gruppo Misto si può prendere l'esempio da loro. Dunque che i pubblici amministratori offrano una dimostrazione per un'ora al mese, propone Giunti riunendosi a turno (magari il sabato mattina) per togliere erbacce e altre piccole brutture all'interno del centro storico. Secondo Tonino Giunti questo deve valere per i consiglieri come per gli assessori: un gesto che i cittadini apprezzerebbero, secondo lui. In secondo luogo, Giunti ha chiesto che venga potenziata la raccolta dei rifiuti dentro le mura, visto che cestini e altri contenitori sono dislocati soltanto in piazza Torre di Berta e lungo via XX Settembre, sicuramente i luoghi più frequentati; ma nelle traverse e nelle strade di accesso alla piazza principale, non si trova un raccoglitore. Si tratta quindi di piccoli accorgimenti che però insieme – sempre a parere del consigliere Giunti - possono produrre importanti risultati".