Giovani a scuola per diventare manager dell'agroalimentare


Giovani imprenditori a scuola per imparare a diventare manager dell'agroalimentare, perchè saper produrre non basta più e bisogna saper vendere. Con questo obiettivo partono al Gambero Rosso il 9 febbraio i corsi di formazione rivolti alle aziende under 40 della Confagricoltura; sei giornate, 4 a febbraio e 2 a marzo, per valorizzare competenze gestionali, comunicative e strategiche in vari comparti dell'agroalimentare, necessarie per crescere e internazionalizzarsi. ''Oggi occorre imparare a leggere la situazione economica, i trend e le prospettive, valutando la propria attività'', spiega il presidente dei giovani di Confagri Raffaele Maiorano, nel presentare l'iniziativa nata insieme al Gambero Rosso e Enapra, l'ente di formazione di Confagri. Il corso rivolto fino a 25 partecipanti, riguarderà il controllo di gestione nel business dell'enogastronomia, la pianificazione, l'organizzazione di fiere e internazionalizzazione, l'ottimizzazione delle risorse, le relazioni con i soggetti istituzionali e di mercato e si svolgeranno nella Città del Gusto di Roma. ''Vogliamo dare una risposta sistematica alle esigenze di competitività che agricoltura e agroalimentare italiano richiedono - commenta Paolo Cuccia, presidente di Gambero Rosso - i prodotti di maggiore qualità e le imprese meglio attrezzate hanno solide opportunità di sconfiggere la crisi dei consumi ma anche di beneficiare della crescita di domanda internazionale che sta dimostrando di non avere limiti, visto gli ultimi dati dell'export del settore; da qui l'alleanza tra il mondo della produzione che fa riferimento a Confagri e il Gambero Rosso nel campo della formazione. Bisogna non solo saper vendere quello che si produce - conclude - ma anche sapere a quale prezzo farlo, conoscere i mercati e le loro preferenze''