Citerna: Superstrada E78 Due Mari ora confronto con i territori


Il recente incontro marchigiano sul futuro della E78 Due Mari ha riportato alla ribalta della cronaca il tema dell’arteria trasversale del centro Italia: dopo il Comitato “Apriamo la Guinza” ora si esprime anche il Partito democratico di Citerna, che fa riferimento alla notizia del finanziamento relativo al completamento della E78, certamente per un importo ridotto, visto che si parla di 1 miliardo e 800 milioni di euro, ma con la priorità di collegare Arezzo con la E45 tramite una 4 corsie, poi da questa alla galleria della Guinza e al Il Pd citernese vede nel nuovo studio di fattibilità presentato a Sant'Angelo in Vado degli aspetti positivi, come il raddoppio della galleria della Guinza e il suo collegamento alla viabilità di fondovalle, ma al tempo stesso nel tratto che riguarda il proprio territorio, in particolare il segmento Le Ville Monterchi – E45, auspica con una sua nota stampa un nuovo confronto con i rappresentanti istituzionali locali, perché e democratici di citerna ritengono che possano esistere delle criticità. Infatti, da quanto appare il tracciato presentato dall’Anas sembra prevedere una galleria di circa 2km sotto la collina di Citerna, una 4 corsie tra la frazione di Pistrino e il versante Nord della stessa collina di Citerna e infine un viadotto di 1 km e 200 m sopra il Tevere per ricongiungersi allo svincolo e45 all'altezza di Selci. Il Pd citernese si chiede se non sia assolutamente indispensabile un serio approfondimento visto l'indubbio impatto paesaggistico e ambientale che ricade all'interno del territorio comunale di Citerna, fra l’altro in piena zona alluvionale.