Omicidio cenciarini, il punto sulle indagini


Dopo l’interrogatorio di garanzia, in cui si è avvalso della facoltà di non rispondere, Federico ha incontrato il padre (nessuno sa cosa si siano detti), come da lui richiesto e a seguito della concessione del Gip Carla Giangamboni. Intanto i legali del 21enne, in attesa di valutare tutte le carte e per fugare gli ultimi dubbi su alcuni punti dell’ordinanza, hanno depositato il ricorso al Riesame, che nei prossimi giorni fisserà l’udienza. Federico, ancora “molto scosso e poco lucido” (come riferito dall’avvocato Bochicchio, anch’esso presente ai funerali), nei prossimi giorni potrebbe essere visitato da uno psichiatra. I carabinieri presto torneranno anche nel casolare sequestrato, dove solo la prova del luminol potrebbe fornire ulteriori e preziosi dettagli in quello che appare un luogo del delitto, stranamente, troppo “pulito”.