A Los Angeles protagonisti ALBERTO BURRI e PIERO DELLA FRANCESCA


Mercoledì 24 febbraio è stato proiettato a Los Angeles il documentario "Alberto Burri e Piero della Francesca: Le due Rivoluzioni" - presso il prestigioso Chinese Theatre di Los Angeles (sede per oltre 20 anni della serata degli Oscar) - come film in concorso al festival "Los Angeles Italia Film Festival 2016". “Alberto Burri e Piero della Francesca: Le due Rivoluzioni” è stato ideato in occasione delle celebrazioni del centenario della nascita di Alberto Burri (1915-1995), uno dei massimi esponenti dell’arte italiana contemporanea, il documentario è diretto dal regista Luca Severi e coprodotto da Sky Arte HD e Zen Europe, con la partecipazione di Kinethica, Rivisitazione, Ibiscus Media. Il film nasce dalla mostra “Rivisitazione: Burri incontra Piero della Francesca”, ideata dal biturgense Riccardo Lorenzi, svoltasi presso la Pinacoteca Civica di Sansepolcro, la città dove Piero della Francesca, il maestro della luce del Rinascimento è nato: ad appena quindici chilometri da Città di Castello, l’altra città della valle bagnata dal Tevere che ha invece dato i natali ad Alberto Burri. Il documentario costituisce un abbraccio ideale tra Rinascimento e contemporaneo ed è una sorta di percorso di storia dell’arte comparata, che indica inaspettati legami tra i due artisti, divisi da ben cinquecento anni di storia, ma nati a pochi chilometri di distanza l’uno dall’altra, e influenzati dalle stesse origini culturali. A mettere in luce le affinità tra le due personalità, sono artisti come Michelangelo Pistoletto, Bruno Ceccobelli e Jannis Kounellis, assieme a Massimiliano Marianelli (Professore di Storia e Filosofia all’Università di Perugia), allo stesso Riccardo Lorenzi (ideatore della mostra “Rivisitazioni. Burri incontra Piero della Francesca”), a Bruno Corà (Presidente Fondazione Palazzo Albizzini Collezione Burri), a Andy (artista e musicista dei Bluvertigo), a Salvatore Sciarrino (compositore) e a Chiara Sarteanesi (curatrice museale della Fondazione Palazzo Albizzini, Collezione Burri).