I ragazzi dell’IPSIA Baldelli di Città di Castello oltreconfine per un’esperienza indimenticabile a Londra


I ragazzi dell’IPSIA Baldelli di Città di Castello volano oltreconfine per un’esperienza indimenticabile nella City londinese. L’uscita, che si è svolta dal 3 al 7 febbraio, ha coinvolto gli studenti del triennio del corso di Manutenzione ed Assistenza Tecnica, impegnati nel progetto “Volo: dalla mongolfiera allo spazio” realizzato in collaborazione con il Club Volo Valtiberina. La visita al Royal Air Force Museum di Hendon e all’Imperial War Museum di Duxford hanno rappresentato, infatti, una tappa imprescindibile del percorso di approfondimento dedicato alla cultura aeronautica proposto quest’anno agli allievi dell’Istituto. Grazie alla competente guida dell’esperto Luca Conti, vice-presidente del Club Volo tifernate, la visita a queste prestigiose esposizioni permanenti inglesi si è arricchita di dettagli storici e aneddoti che hanno completato l’analisi delle caratteristiche tecniche e meccaniche dei velivoli e illustrato sul campo, negli enormi hangar delle strutture museali, gli ambienti adibiti alle operazioni di manutenzione dei mezzi aerei, in una specie di laboratorio itinerante a disposizione degli studenti dell’indirizzo di Mezzi di Trasporto dell’IPSIA. L’aspetto formativo settoriale è stato tanto appassionante quanto quello legato alla scoperta della grande metropoli, esplorata nei suoi siti e luoghi di interesse più accattivanti da una truppa di curiosi visitatori. Non sono mancati, ovviamente, i momenti di condivisione, anche goliardica, degli spazi ricreativi che i ragazzi hanno saputo gestire nel rispetto dei compagni e dell’impegno reciproco. Una tappa impegnativa ma stimolante, questo viaggio a Londra, di un progetto fortemente innovativo che estende l’offerta formativa della scuola e valorizza le competenze degli studenti dell’Ipsia Baldelli, conducendoli attraverso un percorso di formazione declinato in interventi d’aula eseguiti da esperti del settore, in lezioni itineranti in aviosuperfici, visite ad aziende del comparto aeronautico e a officine per la manutenzione. Il tutto mostrando ai ragazzi orizzonti professionali e culturali meno scontati e consueti, ma non per questo irraggiungibili.